20.7 C
Torino
giovedì, 24 Settembre 2020

I bronzi di Piazza San Carlo

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Drake
Drake
Sir Francis Drake nato il 13 luglio 1540. Navigatore e corsaro inglese. Collabora con Nuova Società dal 2017, con la rubrica "I corsivi del corsaro". Una leggenda narra che quando si è in pericolo basta battere sul suo tamburo per vedere le vele delle sue navi all'orizzonte e giungere in soccorso.

Da domani 3 giugno 2018, ad un anno dalla tragedia, i bronzi in piazza San Carlo, saranno due. Infatti, il Caval ‘d brons, avrà un diretto competitor in materia di bronzo: la sindaca di Torino, Chiara Appendino.
La competitora ha deciso di rivaleggiare con la scultura del Marocchetti sulla durezza del bronzo. In termini assoluti la gara è tra lei e il duca Emanuele Filiberto detto “testa di ferro”, il condottiero savoiardo raffigurato a cavallo, che trasferì la capitale del ducato da Chambery a Torino.
Sul nickname, Nostra Signora Appendino, si sarebbe però mostrata preoccupata dal fare a capocciate: tra il metallo e il legno tendenzialmente vince sempre il primo, un po’ come quando l’uomo con la pistola è costretto a soccombere se incontra uno con il fucile.
Ma sulla purezza del bronzo Chiara Appendino sa di non avere eguali. Con lei non c’è  partita. E domani dovrebbe dimostrarlo pienamente alla commemorazione a un anno dal feriticidio della piazza durante la proiezione sul maxischermo della partita Real Madrid-Juventus che la vedeva comodamente seduto allo stadio di Cardiff.
Domani, invece, la sindaca, sulla cui testa di carne e d’ossa pende la richiesta di rinvio a giudizio, si ritroverà accanto ai familiari di Erika Pioletti, la donna di 38 anni morta due settimane dopo per le ferite riportate. Davvero una bronzea sensibilità.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Appendino e Pd? Lo Russo categorico: “Nessuna alleanza”

Lo aveva già detto in più occasioni e ritorna ad affermarlo anche oggi nei giorni successivi al voto referendario e amministrativo, ultima...

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...