13.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Asili aperti in Piemonte. Cirio: “Al lavoro per evitare chiusure”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Gli asili in Piemonte potrebbero rimanere aperti. Mentre per le scuole medie e superiori del Piemonte è già decisa la didattica a distanza a partire da lunedì, resta da sciogliere il nodo di primarie e asili. La decisione arriverà domani e sarà influenzata dai dati di questi giorni e protrà variare da area ad area. 

Asili aperti in Piemonte. Si decide venerdì

Il governatore Alberto Cirio, però, fa sapere che l’obiettivo è cercare di tenere aperto il più possibile e soprattutto la fascia di età dei bambini sotto i sei anni, che richiederebbero anche una costante presenza del genitore a casa. 

“Siamo molto attenti alla fascia da zero a sei anni, stiamo raccogliendo i dati da produrre al ministero della Salute perché almeno quella parte di scuola in presenza vorremmo salvarla”. Così presidente del Piemonte, Alberto Cirio, a Verbania nell’ambito del tour che sta facendo per raccogliere le istanze del territorio in vista della prossima programmazione europea. 

“E’ evidente – ha aggiunto interpellato sulla decisione della dad al 100% per due settimane da lunedì per gli studenti piemontesi di seconda e terza media e delle superiori – che non dobbiamo semplificare, il contagio non è nella classe, il contagio è prima, è dopo, è, nonostante le restrizioni, sui mezzi pubblici locali. Per questo queste misure vanno affiancare a misure più rigorose per esempio per l’utilizzo dei parchi o delle aree di socializzazione delle città” .

Intanto in base ai dati illustrati in consiglio regionale dall’assessore alla Sanità Luigi Icardi preoccupa la situazione dei contagi in Piemonte, in costante crescita a ritmo serrato e che sta interessando anche la fascia di età 11-18 finora meno colpita dal virus. La Regione sta monitorando con attenzione l’andamento dei dati ma di sicuro la condizione di zona arancione sarà prolungata settimana prossima e si teme la possibilità di un passaggio in zona rossa.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano