14 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

A Roma si lavora ancora per la candidatura Torino-Milano per le Olimpiadi 2026

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Checchè ne dica la sindaca di Torino l’ipotesi Olimpiadi 2026 in tandem Torino Milano non è ancora tramontata. Anzi. Più passano le ore e più MiTo a 5 cerchi sembra la strada percorribile per presentare al Cio una candidatura credibile facendo dell’unione tra le due città un punto di forza che annulla le reciproche debolezze.
Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo Sport Giancarlo Giorgetti lo aveva sostenuto sin dall’inizio presentando il progetto ad Appendino durante il primo incontro in cui venne discussa la candidatura torinese. Ma la sindaca ha sempre rispedito al mittente l’idea con la convinzione di potercela fare da sola. Una convinzione che, nonostante quanto ribadito anche oggi in Sala Rossa, sarebbe compromessa.
I noti disguidi interni alla maggioranza grillina e la Lega al governo spingono affinché Torino e Milano corrano insieme. Le valli piemontesi come è noto possono offrire le strutture che mancano a Milano mentre Torino o meglio Appendino non può permettersi il fallimento di una candidatura che come detto traballa per le troppe incertezze.
Non ci sarebbe da stupirsi quindi se il tandem Milano-Torino verrà riproposto alla prima cittadina: meglio che niente. Sotto traccia, e neanche troppo, si lavora ancora per Mito2026 e nei prossimi giorni qualcosa potrebbe cambiare nella inflessibilità di chi abita ai piani alti di Palazzo di città.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano