3.9 C
Torino
mercoledì, 2 Dicembre 2020

SPE, silenzio permanente effettivo

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Drake
Drake
Sir Francis Drake nato il 13 luglio 1540. Navigatore e corsaro inglese. Collabora con Nuova Società dal 2017, con la rubrica "I corsivi del corsaro". Una leggenda narra che quando si è in pericolo basta battere sul suo tamburo per vedere le vele delle sue navi all'orizzonte e giungere in soccorso.

Adesso parla. Finalmente. Dopo anni di coma lessicale, Nostra Signora Appendino, arruolatasi giovanissima in SPE, acronimo di Silenzio Permanente Effettivo, ha ritrovato la parola. Attorno al suo letto di dolore si erano avvicendati tutti coloro che a vario titolo avevano in animo il bene supremo di Torino (e anche un po’ del proprio, naturalmente) per superare la fase critica che si era manifestata in forma acuta all’indomani della sua elezione a palazzo Civico. Inizialmente i suoi silenzi, secondo i suoi esegeti, rispondevano al bisogno di riflettere. O meglio: il suo cerchio ombroso (la diade Paolo Giordana&Luca Pasquaretta) produceva veline agiografiche che accreditavano Nostra Signora Appendino chiusa in un silenzio ascetico per meglio costruire il domani della città, per assicurare ai torinesi un futuro radioso, dopo aver ereditato “un’amministrazione retrocessa in serie B” (pontificazione del sottosegretario all’Economia Laura Castelli, il Fatto Quotidiano di oggi). Quell’amministrazione in continuità da Valentino Castellani, Sergio Chiamparino e Piero Fassino, che pur all’interno di sistema spocchioso e urticante nel suo elitarismo e raccomandatismo da salotti, detto per inciso, vantava il tentativo ben riuscito di dare un volto dinamico alla città, orfana della grande industria.
Poi, i silenzi sono diventati impenetrabili, soprattutto in Sala Rossa, dove Nostra Signora Appendino riemergeva all’ora di chiusura del consiglio comunale, con quell’aria distratta e annoiata di chi è costretto a fare i conti della giornata e ad abbassare la saracinesca. Infine, negli ultimi tempi, l’icona del silenzio era diventata imbarazzante, con quel fumetto che gli si disegnava all’angolo della labbra, in cui era tutto “niet”, dalla discussione sulla Ztl al biglietto obliterato dal Coni per salire sul treno della candidatura olimpica ed altro ancora.
Ma dall’adunata di sabato in piazza Castello, primo sabato dell’era delle madamin (di cui lei sente il fiato sul collo della competizione in rosa, tutta al femminile), Nostra Signora Appendino è uscita dal suo coma profondo con cui aveva interrotto i contatti col mondo esterno. Effetto del cambio di apparecchio acustico, affermano i maligni. Fatto sta che ora sente e soprattutto parla, anche se – priva dei suoi antichi traduttori (Paolo Giordana e Luca Pasquaretta) – non si capisce ancora bene che cosa dica o che cosa si sforzi di dire a quella “borghesia ritrovata” alla quale fa il verso il comico del Movimento sociale Cinquestelle, sempre sulle pagine del Fatto Quotidiano.  Quella classe sociale rediviva, scrive il comico nei suoi prolegomeni a Carletto Marx, che “ci aiuterà soprattutto in una cosa: trasformare aspri conflitti sociali in questioni da salotto e questioni da salotto in tragedie…”. Ma il comico con la stella che vuole dire qualità si è dimenticato di ricordare a tutti noi che con lui a braccetto di Nostra Signora Appendino le probabilità che la tragedia si trasformi in farsa sono notevoli, per dirla ancora in libertà con le parole del maestro di Marx, Georg Wilhelm Friedrich Hegel. Buona commedia.

Articolo precedenteAppendino venerdì incontra l'Onda Si Tav
Articolo successivoI falsi sì
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Covid, 64 decessi in Piemonte. Calano i ricoveri

Sono 64 i decessi di persone positive al test del Covid-19 registrati oggi in Piemonte. Questo il dato comunicato nel pomeriggio dall'Unita'...

‘Gli sguardi sul MOI’: noir e foto giornalismo raccontano la più grande occupazione d’Europa

Il 30 luglio del 2019 con lo sgombero dell'ultima palazzina terminava l'occupazione dell'ex MOI a Torino, quella che è stata definita la...

Federica Scanderebech passa a Forza Italia: “Torno a casa”

Una foto di lei bambina mentre partecipava ad un evento vicino a Silvio Berlusconi. Con questa voto che mostra sui social e...

Toni Algerini, ex Berloni Torino, batte il Covid: “Al Mauriziano non mollano mai”

"E' un virus subdolo e terribile, se ha messo in ginocchio persino me che sono un gigante". Ricoverato all'ospedale Mauriziano di Torino...

Folla nei negozi, più controlli e misure severe contro gli assembramenti

La folla che ieri si è riversata nel centro di Torino al primo giorno di apertura dei negozi del Piemonte in zona...