18.7 C
Torino
sabato, 13 Agosto 2022

Sono più imbecilli che anti razzisti: danneggiata pure la statua della Sirenetta a Copenaghen

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La statuta della Sirenetta, il personaggio nato dalla penna dello scrittore Hans Christian Andersen, e simbolo di Copenaghen, e’ stata vandalizzata con la scritta in inglese “racist fish” (pesce razzista), apparso sulla pietra che fa da base all’opera all’entrata del porto. A quanto riporta Associated Press, nessuno ha rivendicato la responsabilita’ dell’azione. Intervistato dalla tv danese, l’esperta dell’opera di Andersen, Ane Grum-Schwensen, ha spiegato che la storia della Sirenetta non contiene allusioni razziste.

 La Sirenetta e’ stata anche un fortunato cartone animato della Disney, che – secondo alcuni – contiene una scena razzista quando nella famosa scena della canzone ‘In fondo al mar’ appare un ‘pesce nero’ che ha le sembianze dell’immagine stereotipata degli afro-americani.

La statua – che ha oltre 100 anni di vita e abbellisce l’ingresso del porto della capitale danese – e’ da tempo nel mirino di vandali, che l’hanno imbrattata e persino danneggiata, staccandole un braccio e rubandone la testa. A gennaio, la scritta “Free Hong Kong” era stata dipinta sempre sulla roccia, in riferimento al movimento di protesta pro-democrazia il governo centrale di Pechino.

Il mese scorso, la statua di un missionario danese che ha svolto un ruolo chiave nella colonizzazione della Groenlandia e’ stata imbrattata con vernice rossa e la parola “decolonizzare”; non e’ chiaro se i due casi siano legati.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano