21.6 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Scontri Primo Maggio, Daniela Albano (M5S): “Non concedere più la piazza ai sindacati”. Le reazioni.

Più letti

Nuova Società - sponsor
Moreno D'Angelo
Moreno D'Angelo
Laurea in Economia Internazionale e lunga esperienza avviata nel giornalismo economico. Giornalista dal 1991. Ha collaborato con L’Unità, Mondo Economico, Il Biellese, La Nuova Metropoli, La Nuova di Settimo e diversi periodici. Nel 2014 ha diretto La Nuova Notizia di Chivasso. Dal 2007 nella redazione di Nuova Società e dal 2017 collaboratore del mensile Start Hub Torino.

di Moreno D’Angelo

È polemica dopo il post su Facebook della consigliera comunale pentastellata Daniela Albano a commento degli scontri del corteo del Primo Maggio tra polizia e area antagonista.

albanoAlbano ha infatti scritto sui social, condividendo una foto delle cariche,  “E come ogni primo maggio i sindacati preferiscono parlare ad una piazza vuota piuttosto che ricevere qualche contestazione”. É ancora commentando il suo post ha aggiunto: “Non dobbiamo più concedere la piazza ai sindacati”.

albanoschermata

 

Sulla vicenda è intervenuto il Partito Democratico che in una nota a firma di Saverio Mazza e Mimmo Carretta sostiene come il Primo Maggio sia stata “una giornata veramente triste. Dopo la presenza di consiglieri di maggioranza tra le fila di coloro che solitamente si presentano con mazze e bastoni ai cortei e la posizione del M5S contro le Forze dell’Ordine, la Consigliera Albano sui social dichiara che “non bisogna più concedere la piazza ai Sindacati”. La si
ndaca Appendino cosa dice? Il silenzio di un Sindaco è più grave della stessa affermazione”. Intanto anche sui social network il Pd ha fatto partire una campagna in cui si denuncia quanto accaduto.campagnasocial

 

Il consigliere Alberto Morano commenta così quanto accaduto: “I fatti di questi ultimi giorni impongono riflessioni serie sulla reale natura del Movimento 5 Stelle. La presenza di consiglieri del Movimento 5 Stelle alla manifestazione del 1 Maggio organizzata dai gruppi antagonisti culminata in disordini con le Forze dell’Ordine e alla Cannabis Parade dove ha sfilato un carro con il fantomoranoccio di due poliziotti sono fatti gravi. È intollerabile che consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle nel totale silenzio del Sindaco e della Giunta partecipino a manifestazioni nel corso delle quali si verificano episodi di violazione dell’ordine pubblico e si oltraggiano le Forze dell’Ordine. Da un lato il pensiero unico, il voto etero diretto e dall’altro lato l’oltraggio alle Forze dell’Ordine sono chiari segnali delle pericolosità del Movimento 5 Stelle per chiunque abbia a cuore il rispetto delle regole e dei principi democratici. Mi auguro vivamente che il Sindaco Appendino pur impegnata a cercare di coprire i buchi del Bilancio trovi il tempo per stigmatizzare pubblicamente il comportamento dei consiglieri 5 Stelle presenti alle manifestazioni di cui sopra. In caso contrario purtroppo dovremo prendere atto che vale il detto “chi tace acconsente”.

Per Silvio Magliano “È inaccettabile che una consigliera della Città, peraltro presidente della Commissione Cultura, affidi ai social network parole come “non dobbiamo più concedere la piazza ai sindacati”, affermazione gravissima che rappresenta il disprezzo dei 5 Stelle per i corpi intermedi e l’associazionismo che hanno reso grande questo Paese”. Magliano auspica “dalla sindaca una netta e decisa presa di distanza, domani in consiglio comunale”.

“Aspetto ancora – attacca Magliano – una presa di distanza dei consiglieri comunali presenti alla manifestazione di sabato per la legalizzazione della cannabis nei confronti dell’agghiacciante e offensiva messinscena dei manichini di poliziotti ‘investiti’ da un camioncino, mentre non si è fatta attendere la solidarietà ai facinorosi da parte dei consiglieri 5 Stelle più vicini alle aree antagoniste in seguito agli scontri di ieri tra autonomi e polizia. Questi personaggi – conclude – contro ogni prudenza e maturità politica, continuano a cavalcare posizioni estremiste e comportamenti contrari alla legge per tornaconto personale e politico”.

riccaHo presentato una richiesta di comunicazioni urgenti sui fatti decisamente gravi dei giorni scorsi. Simulare l’investimento di due agenti di polizia e presentarsi ad una manifestazione armati di pietre e bastoni non possono essere considerati modi pacifici di esprimere le proprie opinioni. Da sindaco e presidente del consiglio comunale mi aspetto una dura condanna di quanto accaduto tra il 29 aprile e il primo maggio e una presa di distanza netta da chi oggi vorrebbe impedire ai sindacati di scendere in piazza“. Così Fabrizio Ricca, capogruppo della Lega Nord in Sala Rossa.
Non è in alcun modo ammissibile – conclude Ricca – che esponenti politici prendano le difese dei responsabili di tali deplorevoli atti, che sono un insulto non solo per le forze dell’ordine, ma per tutta la Città. Alla polizia va tutta la nostra insindacabile ed incondizionata stima”.

 

maurapaoli

E la sindaca? Ufficialmente tace. Però ci sarebbe stato di un acceso confronto con una consigliera comunale Maura Paoli, presente in piazza, vicina ai centri sociali. Non solo, sempre sui social un altro consigliere grillo, Damiano Carretto, fa riferimento ad alcuni accordi. Domanda: forse il Movimento Cinque Stelle avrebbe fatto da garante per lo spezzone antagonista con la polizia  per fare in modo che entrassero in Piazza San Carlo con ancora il comizio della segretaria della Cgil Enrica Valfrè in corso?

Di questi accordi ora le opposizioni stanno cercando conferma per ricostruire quanto avvenuto.

 

 

damianocarrettoaccordi

 

LEGGI ANCHE: Scontri e polemiche Primo Maggio, Appendino darà comunicazioni in Sala Rossa

LEGGI ANCHE: Torino, scontri al Primo Maggio: M5s condanna le cariche della polizia. Solidarietà alle forze dell’ordine da Pd e opposizioni

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano