25.2 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Ruota panoramica al Valentino: un progetto che continua a non piacere ai Cinque Stelle

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Andrea Doi

Se a Palazzo Civico, come scrive qualcuno, non è stato ancora detto no alla ruota panoramica al Valentino, è anche vero che non è stato detto nemmeno sì al progetto. Tutt’altro. Nelle ultime ore si parla nuovamente della costruzione di una piccola “London eye” tra Torino Esposizioni e il Quinto padiglione e di aggiustamenti ai disegni affinché venga sbloccato il nodo della Soprintendenza che permetterebbe la sua realizzazione.
I costruttori di un’opera che costerebbe sui 6 milioni, la società Wonder Wheel, non si arrendono nonostante tutto sia fermo da quattro anni e hanno portato delle modifiche al sistema di ancoraggio che era stato bocciato dalla Soprintendenza.
Ma mentre si parla già del costo del biglietto per i visitatori (intero e riduzioni comprese) pare che i conti per il momento siano stati fatti senza l’oste. Infatti, non è scontato il sì della maggioranza alla realizzazione della ruota. Gli assessori interessati, Roberto Finardi e Guido Montanari, non si sono ancora espressi sulla vicenda, mentre Chiara Appendino al tempo consigliera assieme a Vittorio Bertola avevano già presentato nel 2015 un’interpellanza sul progetto, logicamente contestandone la realizzazione. (Leggi qui per l’interpellanza)
Tra le tante voci che si rincorrono forse quella meno ascoltata è quella che vedrebbe la maggioranza pronta e compatta a bocciare l’ “Occhio torinese”,  probabilmente anche con un documento.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano