25.2 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

Rissa in corso Giulio. Magliano: “Adesso basta, si contesti il reato di epidemia colposa”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Silvio Magliano, Capogruppo Moderati in Consiglio Comunale di Torino, commenta quanto accaduto ieri in corso Giulio Cesare, “i violenti tafferugli tra almeno cento persone scese in strada senza ragione. Se ci sono gli estremi, si contesti il reato di epidemia colposa”.

Spiega Magliano: “La misura, dopo il terzo assembramento in pochi giorni tra Barriera di Milano e Aurora, questa volta aggravato da una violenta rissa, è colma. I fermati e riconosciuti in assembramenti di questo tipo devono essere considerati responsabili di aver messo a rischio la salute di tutti. Chi, contagiato consapevole, scende in strada e partecipa ad assembramenti o a tafferugli commette reato di epidemia colposa, per il quale la pena può arrivare all’ergastolo. Mi auguro che, se vi sono gli estremi, i soggetti in questione possano trovare come capo di imputazione, oltre a quelli di routine, anche questo”.

“Mi stanno inoltre giungendo moltissime segnalazioni di comportamenti non conformi alle regole da parte di gestori di minimarket e non solo. La maggior parte dei commercianti e degli artigiani è stata rigorosamente ligia e rispettosa delle norme, in questi due mesi di lockdown; chi invece le regole le calpesta non solo mette a repentaglio la salute di tutti, ma fa concorrenza sleale nei confronti di chi si comporta in maniera responsabile. Servono e sarebbero serviti controlli più severi”, conclude Magliano.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano