20.7 C
Torino
giovedì, 24 Settembre 2020

Rinasce il teatro del Centro Isabella in una Lucento che vuole cambiare

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Scritto da Gabriele Druetta

Oggi, durante la seduta della I Commissione della Regione Piemonte viene espresso parere positivo in merito all’utilizzo del fondo per la realizzazione del programma biennale d’investimenti, una parte del quale utilizzato per la prossima riapertura del teatro del Centro Culturale Principessa Isabella di via Verolengo 212.
Nel cuore di Lucento (Circoscrizione 5) sorge il Centro Isabella. Inaugurato nel 1884 come asilo, negli ultimi vent’anni circa accoglie il Centro di Documentazione Storica, un teatro, delle sale prove e una biblioteca.
Nel 2016, in seguito ad un controllo, i tecnici sono stati obbligati a far chiudere il teatro (luogo fondamentale per il centro) in quanto mancava un impianto elettrico e un sistema antincendio adeguati e la licenza per il pubblico spettacolo.
Più di un anno fa la Circoscrizione 5, nel territorio della quale ha sede il Centro Isabella, ha presentato un’interpellanza al Comune per sapere se ci fosse l’intenzione di riaprire il teatro ma, ad oggi, non ha avuto ancora una risposta definitiva.
La Commissione Cultura della circoscrizione, coordinata da Martina Monachino, allora ha richiesto alla Regione Piemonte l’investimento per la messa in sicurezza e la riapertura del teatro del centro.
In una manovra che, complessivamente vede lo stanziamento di 158 milioni, una parte dei 12 milioni destinati alla cultura saranno utilizzati al fine di mettere in sicurezza la sala di via Verolengo. Questa notizia arriva oggi dopo la seduta della I Commissione e verrà ufficializzata dalla Giunta Regionale tra domani e mercoledì.
«In questo modo sosteniamo la realizzazione di progetti strategici non solo per i singoli Comuni, ma per poter migliorare, nel complesso, l’offerta culturale e turistica regionale – dichiara Antonella Parigi, assessore alla Cultura e al Turismo – Abbiamo in particolare voluto privilegiare interventi immediatamente cantierabili e di proprietà pubblica in una logica complessiva che, oltre a questo intervento, si integra con ulteriori fondi che abbiamo messo in campo in questi mesi».
I fondi verranno dati  al Comune di Torino che avrà un anno per poi destinarli alla riapertura del centro.
«Per noi è strategico investire sui presidi culturali e di comunità in periferia – afferma consigliere regionale Daniele Valle, presidente della Commissione Cultura – non potevamo lasciare chiusa una risorsa così importante per il territorio».
Infatti il Centro Isabella e, in particolare, il suo teatro sono un punto di riferimento per i cittadini e per tutti coloro che amano il teatro e la musica.
La Circoscrizione 5 spera di poter riaprire il centro entro il 2020 con l’intenzione di ridefinire la programmazione, coniugando la tradizione storica del Centro Isabella e l’innovazione culturale.
In via Verolengo 212 lo sguardo è proiettato verso il futuro, verso un nuovo polo che faccia da incubatore della cultura. La sfida sarà ripartire dal passato per raccontare un futuro in un Borgo di periferia che ha l’ambizione forse di creare un modello di innovazione culturale e di rianimazione del territorio.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Appendino e Pd? Lo Russo categorico: “Nessuna alleanza”

Lo aveva già detto in più occasioni e ritorna ad affermarlo anche oggi nei giorni successivi al voto referendario e amministrativo, ultima...

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...