19.1 C
Torino
martedì, 16 Luglio 2024

Ricca (Lega): “Oltre alla scorta togliamo a Saviano la cittadinanza onoraria di Torino”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Mentre il Ministro dell’Interno Matteo Salvini sta valutando su togliere o meno la scorta allo scrittore Roberto Saviano, il capogruppo della Lega in consiglio comunale a Torino e segretario torinese del Carroccio Fabrizio Ricca, presenta una mozione per togliere la cittadinanza onoraria al giornalista.
Secondo l’esponente della Lega Saviano non sarebbe meritevole dell’onorificenza, che dal 2008 gli è stata assegnata.
«Il 3 marzo del 2008 la Città di Torino conferiva la cittadinanza onoraria allo scrittore Roberto Saviano. Secondo la mozione di allora il giornalista era meritevole di questo in quanto aveva descritto la drammatica e insostenibile realtà che vede l’egemonia della camorra nella vita campana».
E occasioni per ritirare la cittadinanza ci sarebbero state in questi dieci anni.
«Invece nonostante sia venuto a Torino varie volte in questi anni non si è mai presentato a ricevere il riconoscimento e non ha neppure mai espresso la volontà di venire nel capoluogo piemontese a ritirarlo», evidenzia Ricca.
Poi c’è quel riconoscimento di plagio che smonterebbe ulteriormente i meriti dello scrittore, sempre secondo Ricca: «Vorrei ricordare che nel settembre del 2017 Roberto Saviano è stato condannato in terzo grado di giudizio dalla Corte di Cassazione per plagio: colpevole di aver copiato tre articoli inseriti nel sul libro “Gomorra”. Quindi, vista la sentenza, si indeboliscono le motivazioni per cui è stata conferita la cittadinanza».
«Come è già avvenuto in passato per altri casi, la Città di Torino può benissimo revocare la cittadinanza onoraria a Roberto Saviano. Una richiesta che ho fatto attraverso una mozione».
Dunque sottolinea concludendo Fabrizio Ricca: «Oltre alla scorta togliamogli pure la cittadinanza».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano