18.9 C
Torino
domenica, 9 Maggio 2021

Regione Piemonte, approvato il bilancio 2021/23

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left.

Approvato il Bilancio di previsione 2021/2023 della Regione Piemonte, dopo la discussione a Palazzo Lascaris dei giorni scorsi. Il presidente Alberto Cirio ha ammesso la complessità del documento presentato: “Fare un bilancio non è facile in momenti di ‘pace’, figuriamoci in un momento come questo – ha detto – nel quale ci troviamo in uscita dalla terza fase della pandemia. E dico uscita perché gli ultimi dati sono confortanti. Tuttavia questo è un bilancio complicato, sul quale non si possono giudicare le scelte politiche di una maggioranza. I margini erano ristrettissimi: la Corte dei conti ci dice che dobbiamo fare le sole spese obbligatorie e indifferibili, oltre le spese sanitarie. Quindi ci hanno chiesto cautela e prudenza, pagando prioritariamente i debiti pregressi: solo quest’anno 450 milioni di euro di ratei sui mutui del passato, in buona parte i famosi derivati degli anni passati. In tutto stiamo pagando 557 milioni di debiti”.

Anche il presidente del consiglio Regionale Stefano Allasia si è detto soddisfatto: “Il bilancio è un traguardo importante per la nostra regione che da oltre un anno convive con una grave emergenza. Spero che il voto di oggi sia di buon auspicio per il rilancio del Piemonte e per una dialettica sempre più costruttiva tra maggioranza e opposizione”.

Ecco le cifre più rilevanti del Bilancio 2021/2023:

Entrate (e di conseguenze uscite) in competenza sul 2021 per 19,928 miliardi di euro e 23,502 miliardi di cassa, mentre per l’esercizio 2022 sono previste entrate di competenza per 18,993 miliardi di euro e per l’esercizio 2023 sono previste entrate in competenza per 18,621 miliardi di euro. 8,9 miliardi vanno al solo comparto sanitario, in aumento rispetto agli 8,7 del bilancio precedente.

Lavoro e la formazione: 412 milioni (85,5 milioni per il mercato del lavoro, 46 milioni per la formazione professionale, 14 milioni per il sostegno all’occupazione, 265 milioni per la politica regionale per il lavoro e la formazione professionale)

Istruzione e diritto allo studio: 79 milioni (di cui 9,911 sull’edilizia scolastica e 26,4 milioni per le borse di studio)

Politiche Sociali: 226 milioni (di cui 26 milioni sulla disabilità, 71 milioni sulle politiche per gli anziani e 53 milioni per gli interventi per i soggetti a rischio di esclusione sociale e 1 milione sul banco alimentare a sostegno nuove povertà)

Sulla sanità destinati 10 milioni per gli emotrasfusi e 10 milioni per la medicina territoriale”. Per gli Extralea 50 milioni .

Tutela del territorio e dell’ambiente; 192 milioni (27 milioni sulla tutela e valorizzazione delle risorse idriche; 27 milioni sullo sviluppo sostenibile dei territori montani e dei piccoli comuni )

Sviluppo economico e competitività: 232 milioni (9 milioni su industria Pmi e artigianato, 7 milioni commercio, 208 milioni per la competitività e sviluppo economico).

Trasporto e diritto alla mobilità: 695 milioni. Agricoltura e politiche agroalimentari: 83 milioni. Cultura: 79 milioni. Turismo 35 milioni. Politiche giovanili sport e tempo libero 19 milioni. Dedicati: 550 milioni per la copertura dei mutui, 323 milioni sono riservati al disavanzo.123 milioni per il fondo sui crediti di dubbia esigibilità

l’Ente registra un disavanzo di 6,5 miliardi, una capacità di indebitamento pressoché nulla e difficoltà legate alla liquidità è caratterizzata da profonda rigidità.

Tra le mancate entrare a causa della sospensione delle cartelle esattoriali, il recupero dell’evasione del bollo auto perde 68 milioni. Quest’anno mancheranno anche i 90 milioni del mutuo acceso dalla Giunta regionale precedente e i 200 milioni derivanti dal rientro di capitale di Finpiemonte.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano