16.7 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Per la multa Gtt cancellata chiesto il rinvio a giudizio per Giordana

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società.

È stato chiesto il rinvio a giudizio per l’ex capo di gabinetto della sindaca Chiara Appendino, Paolo Giordana, il relazione all’inchiesta sulla multa cancellata.
Giordana è accusato di concussione per aver fatto togliere, secondo l’accusa, una multa da 95 euro a suo amico che non aveva timbrato il biglietto dell’autobus. L’ex capo di gabinetto si era rivolto all’amministratore delegato di Gtt, Walter Ceresa, iscritto anche lui nel registro degli indagati, insieme al responsabile della direzione del Trasporto pubblico locale Gianni Rabino e al capo dei controllori del Gruppo Torinese Trasporti Giovanni Savarino. Una richiesta fatta telefonicamente, ma che è stata intercettata dagli investigatori che seguivano un’altra inchiesta.
Dopo la richiesta dell’allora braccio destro della sindaca di Torino la multa venne inserita nell’elenco dei verbali dubbi, senza essere stata pagata. Quando scoppiò il caso Giordana, seppur non ancora indagato per la vicenda, diede le dimissioni da capo di gabinetto della prima cittaidna.
Sulle spalle oltre a questo ha altri due procedimenti: quello sui fatti di Piazza San Carlo, dove è già stato chiesto il rinvio a giudizio e quello sulla caparra Ream, le cui indagini sono state chiuse, ma bisognerà attendere settembre per sapere se ci sarà la richiesta di andare avanti.
Come detto il pubblico ministero Gianfranco Colace ora ha chiesto che Giordana, Ceresa, Rabino e Savarino vadano a processo per la multa.
L’udienza preliminare è fissata per il 14 settembre, davanti al Gup Silvia Graziella Carosio.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...