16.8 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

Omnibus, Grimaldi (LUV): “La Lega in regione vuole trasformare il Piemonte nel Far West”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“Vogliono tornare al Far West e, come dei brutti ceffi, di notte tramano nell’ombra; poi, senza vergogna, di giorno mettono le pistole fumanti sul tavolo – è questo il commento di Marco Grimaldi, capogruppo di LUV in Regione in merito alla presentazione di un emendamento leghista che riapre al gioco d’azzardo in regione.

“Dopo lo ‘spara tutto’, una riscrittura della legge sulla caccia che permetterà di sparare liberamente e a più specie animali – prosegue Grimaldi –, oggi scopriamo che la Lega e Cirio hanno depositato un emendamento che liberalizza il gioco d’azzardo e che cancella la migliore legge italiana contro la ludopatia”.

“Dopo aver dato il via libera al cemento e al bitume nel ‘riparti Piemonte’, Cirio vuole trasformare la nostra Regione nel far west: più polvere da sparo tra i nostri monti e nelle campagne, più slot e malati di gioco d’azzardo ad ogni angolo. Eravamo riusciti a contrastare la piaga della ludopatia – afferma Grimaldi, relatore di maggioranza della Legge per contrastare il gioco d’azzardo patologico – e i dati sono dalla nostra parte: ogni anno si giocano 770 milioni in meno e le perdite sono diminuite del 20% (contro il -3% italiano). La nostra legge ha letteralmente salvato migliaia di piemontesi da una malattia che costringe intere famiglie sul lastrico. Ma tutto questo alla Lega, evidentemente, non piace”.

“La lega vuole il far west, imbavaglia le opposizioni costringendole al silenzio con il contingentamento dei tempi e, con loro, i milioni di piemontesi che ci hanno votato: infine, credendo di farci paura, mette sul tavolo le pistole fumanti pensando di ricattarci e di fare scempio del Piemonte. Noi – conclude Grimaldi – non lo permetteremo. Ai loro fucili risponderemo solo con inchiostro virtuale. Se, con questo gesto, pensavano di aprire una trattativa per farci ritirare le migliaia di emendamenti già presentati si sbagliano di grosso, ne produrremo di più: tanti quante saranno le slot che rimetterebbero nei bar e nelle tabaccherie”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano