31.7 C
Torino
venerdì, 7 Agosto 2020

Montalbano sfiducia Schellino

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società, di cui è il direttore dal 2017.

Tra Deborah Montalbano e l’assessora Sonia Schellino non corre buon sangue da tempo.

Anche quando l’esponente torinese del movimento di Luigi De Magistris sedeva tra i banchi della maggioranza grillina non mancavano le stoccate contro la vicesindaca e assessora al Welfare della Giunta Appendino. Al punto che il sospetto a quel tempo fosse che Montalbano puntasse alla poltrona dell’assessora.

- Advertisement -

Adesso Deborah Montalbano, consigliera comunale a Torino per il gruppo Dema, ha presentato una mozione di sfiducia. Scrive la consigliera comunale nel documento, in cui si chiede il “ritiro delle deleghe coordinamento politiche sociali, educative e di cittadinanza” che l’assessora Schellino ha dimostrato di non essere adeguata.

- Advertisement -

Fabio Versaci, presidente della commissione consiliare Sanità e Servizi sociali, commenta così la presentazione della mozione: “Il peggio della politica che pensa solo a strumentalizzare temi delicati”.

Per Montalbano Schellino:

in qualità di Assessora al “Coordinamento Politiche Sociali, educative e di cittadinanza” da tempo non appare adeguata ad espletare le deleghe affidate dalla Sindaca;
–  l’Assessora svolge anche il ruolo di Vicesindaca e oltre alle deleghe di cui sopra si debba occupare di:
– Funzioni attinenti all’assistenza sociale di competenza del Comune e conseguente programmazione e coordinamento di tutti i presidi socio-assistenziali comunali;
– Stranieri e nomadi;
– Tutele;
– Edifici per il sociale;
– Presidenza della Commissione per l’emergenza abitativa;
– Politiche abitative di Edilizia Pubblica;
– Coordinamento delle relazioni con le Aziende Sanitarie e delle attività di indirizzo
in capo al Comune verso tali aziende;
– Atti connessi ai Trattamenti Sanitari Obbligatori;
– Formazione professionale;
– Politiche attive del lavoro;
– Promozione e occupazione giovanile e femminile; che Sonia Schellino è stata nominata nel 2016 Assessora al “Coordinamento Politiche Sociali, educative e di cittadinanza” – in qualità di Assessora al “Coordinamento Politiche Sociali, educative e di cittadinanza” da tempo non appare adeguata ad espletare le deleghe affidate dalla Sindaca;
– l’Assessora svolge anche il ruolo di Vicesindaca e oltre alle deleghe di cui sopra si debba occupare di: – tutte queste deleghe sono risultate un carico di lavoro eccessivo, che ha prodotto nel tempo lacune e situazioni di disagio sociale importante; nello stesso frangente ricopriva il ruolo di Vicesindaca;

continua Montalbano:

– l’Assessora in più occasioni ha dimostrato di non saper gestire situazioni delicate, mostrando atteggiamenti a volte miopi a volte dettati da una timidezza estrema, giustificandosi ogni qualvolta e relegando le proprie responsabilità dei mancati interventi a livelli istituzionali superiori, oppure ai cittadini direttamente interessati dal disagio in questione, a cui avrebbe dovuto dare risposta, o ancor peggio relegando il proprio mandato alle attività della Questura e della Prefettura attraverso il Tavolo per la sicurezza;
– l’Assessora è stata abile a condurre il suo compito attraverso effimere enunciazioni, che non hanno mai trovato realtà nelle reali emergenze sociali dei cittadini e ha saputo negare costantemente ogni responsabilità politica;
– sono tanti gli esempi di cattiva amministrazione in 4 anni di consiliatura: l’interessamento sull’andamento della gestione nelle RSA, come il Carlo Alberto, il mercato del libero scambio del Balon, le famiglie in emergenza abitativa abbandonate a se stesse, gli occupanti senza una casa della Cavallerizza e la mancata osservanza di un verbale sottoscritto anche dalla Questura di Torino, in cui l’Amministrazione si impegnava ad avviare progetti abitativi, per gli occupanti rimasti abbandonati per strada, la mancata costituzione di un tavolo di lavoro comprendendo tutte le voci interessate per avviare strumenti straordinari in risposta all’emergenza abitativa, coinvolgendo anche i proprietari privati di immobili;
– l’Assessora non ha mai costituito una cabina di regia per coordinare insieme al Terzo settore e mettere in rete tutte le realtà che si occupano di sociale dal pubblico al privato ed è mancata da parte sua, anche la scelta di istituire una banca dati tra Comune, realtà sociali, Centri per l’impiego, Regione Piemonte, per lavorare in sinergia e migliorare la rete solidale, l’inadeguatezza mostrata nel portare, anche nei confronti della Regione Piemonte gli interessi e i bisogni e la necessità della Città di Torino rispetto al Settore sanitario, come riorganizzazione della rete ospedaliera, unificazione delle due ASL, Parco della Salute, interessamento sull’andamento della gestione delle RSA presenti sul territorio cittadino;
– ultimo, in ordine di tempo, la superficialità e la sottovalutazione della priorità di intervento, rispetto alla gestione dei dormitori e del problema dei senzatetto in generale nel periodo dell’emergenza Covid-19 e in particolare attraverso la chiusura della struttura di piazza D’Armi, che per oltre una settimana ha visto come conseguenza gli ultimi degli ultimi attendati sotto il Comune di Torino, senza neanche intervenire per fornire come Città pasti o altro genere di accompagnamento sociale;

IMPEGNA

La Sindaca a ritirare le deleghe al “Coordinamento Politiche Sociali, educative e di cittadinanza” alla Vicesindaca Schellino e a sollevarla dall’incarico ed a procedere all’individuazione di altra persona, in grado di svolgere adeguatamente tale mansione, considerando anche la delicatissima e costante attenzione che si dovrà dedicare alle fasce sociali più deboli della città a seguito delle emergenze economiche-sociali che il Covid-19 ha prodotto.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...

Viviana Ferrero contro le telecamere di Appendino: “Riappropriamoci di luoghi della città”

Ieri era stata Maura Paoli a dare il via alle polemiche interne alla maggioranza Cinque Stelle sulla vicenda dell'istallazione di 300 nuove...