17 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

L'Arcigay di Torino risponde all'arcivescono Nosiglia: “Non dia lezioni su argomenti che non gli competono, come la famiglia”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’Arcigay di Torino risponde alle dichiarazioni dell’arcivescovo del capoluogo piemontese cesare Nosiglia per quanto riguarda le adozioni: «Suscita molto fastidio vedere come l’arcivescovo Nosiglia dia lezioni su un argomento che non gli compete, com’è la famiglia, formazione sociale che si sviluppa e prende forma all’interno del periodo storico in cui viene formata. Dovrebbe ripassare l’arcivescovo gli studi di antropologia culturale, come ad esempio gli ottimi studi del professor Remotti di Torino, e smettere di studiare invece tomi di dogmatismo: la tanto agognata cattedra cardinalizia meglio si adatta a chi ha a cuore il popolo di Dio, ed è pronto per esso a sacrificarsi, e non tanto a chi vuol vessare il proprio popolo di pesi e fardelli che non lo riguardano”. Commenta marco Alessandro Giusta presidente dell’associazione Arcigay.
«Il suo gregge – continua Giusta – ha bisogno di più cardinali come Martini, caro arcivescovo, non l’ennesimo Bertone o Bagnasco. E lasci perdere infine i riferimenti ai bambini come ’prodotto da comprare, vendere, possedere e manovrare come un oggetto a proprio piacimento“ – anche se sappiamo che su questo la chiesa cattolica ha sicuramente maggiormente esperienza – e lasci ai bambini il diritto di vedersi riconosciuta famiglia la coppia che quotidianamente li cresce, ama, nutre, protegge ed educa, di qualunque orientamento sessuale essa sia».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano