16.4 C
Torino
giovedì, 28 Maggio 2020

Incontro con Appendino, le fondatrici di “Si, Torino va avanti”: “Prima vogliamo un colloquio con Mattarella”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuovasocietà. Caporedattore dal 2017. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano.

La cortesia è la loro prerogativa, come hanno voluto dimostrare con la manifestazione di sabato in piazza Castello. E gentilmente le sette “madamin” creatrici di “Si, Torino va avanti” fanno capire a Chiara Appendino che incontrarla non è la loro priorità.
Già, perchè la sindaca in risposta alla manifestazione che ha radunato quanti avevano da dire contro la sua amministrazione ha aperto la porta ai suoi detrattori ed avanzato un invito a un “primo confronto” per questo venerdì.
La risposta delle sette non si è fatta attendere. Con grande fair play hanno infatti dichiarato : «Siamo disposti a dialogare con chiunque ce lo chieda e voglia ascoltarci ma la priorità rimane l’incontro col Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella». Dunque prima il Quirinale poi Palazzo di Città: «Dopo l’incontro col presidente della Repubblica chiederemo colloqui con tutte le istituzioni torinesi e piemontesi per illustrare il manifesto dei Sette Sì».
Insomma, venerdì Appendino avrà l’agenda libera anche se il rifiuto non è piaciuto alla sindaca che lo ha definito «un brutto segnale di chiusura» pur precisando che la sua porta resta aperta.
Sulla vicenda è intervenuta anche la capogruppo del Movimento 5 stelle Valentina Sganga che ha commentato: «“La piazza va ascoltata” è l’appello che più di ogni altro abbiamo sentito in questi ultimi giorni. Stupisce pertanto il diniego delle organizzatrici del presidio di sabato alla proposta di incontro rivoltagli dalla Sindaca Appendino. Delle due l’una: o la nostra amministrazione non c’entra nulla con la loro protesta o, dietro quella protesta, non si cela altro che una strumentalizzazione politica di legittime istanze. Uno sberleffo per chi da giorni si spende a rivendicare  l’apartiticità della piazza».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Il Riparti Piemonte è legge

Dopo una tre giorni di Consiglio regionale in videoconferenza, il Riparti Piemonte è legge. Il Ddl 95, infatti, è stato approvato nella...

Coronavirus, 73 i nuovi contagi in Piemonte e 16 i decessi

Altri 500 guariti, 16 morti e 73 nuovi contagiati. E' questo il bilancio odierno dell'unità di crisi della Regione Piemonte sulla diffusione...

‘Ndrangheta in Piemonte, restano in carcere Rosso e Burlò

L'ex assessore regionale del Piemonte Roberto Rosso e l'imprenditore Mario Burlò restano in carcere. Entrambi sono stati rinviati a giudizio pochi giorni...

Paolo Griseri vicedirettore de La Stampa

Sarà Paolo Griseri il nuovo vicedirettore de La Stampa, secondo quanto stabilito dal piano di riorganizzazione del quotidiano. Griseri, attualmente in forza...

A Torino neonata nasce con il cuore fuori dal torace

Una neonata affetta da Ectopia cordis, rara anomalia congenita in cui il cuore si trova fuori dal torace, è stata fatta nascere...