16.7 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Immigrazione, la Sala Rossa dice no al “Decreto Salvini”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Scritto da Michele Paolino
Con trenta voti favorevoli e soli due contrari e con una insolita convergenza tra la maggioranza grillina e la minoranza di centrosinistra, il Consiglio comunale di Torino ha approvato un ordine del giorno, prima firmataria la consigliera Elide Tisi del Partito Democratico, che invita la Giunta di Palazzo Civico a chiedere al Ministero dell’Interno e al Governo di sospendere “in via transitoria fino alla conclusione dell’iter parlamentare” gli effetti dell’applicazione del cosiddetto Decreto Legge Salvini, il n. 113/2018 che si occupa di “immigrazione e sicurezza”, e ad aprire un confronto con Torino e le altre grandi Città per valutare le ricadute concrete del provvedimento in termini economici, sociali e di sicurezza dei territori.
Secondo i proponenti, con l’approvazione del Decreto sono stati vanificati gli sforzi, compresi quelli compiuti negli anni dalla Città di Torino, volti a garantire una equilibrata distribuzione delle persone accolte su tutto il territorio regionale e non solo nelle grandi aree urbane e si rischia di favorire le forti concentrazioni di persone nei grandi centri di accoglienza straordinaria e di veder aumentare il numero delle persone presenti nei centri di permanenza per il rimpatrio, compreso il Cie di corso Brunelleschi.
La consigliera Tisi, nell’illustrare in Aula il documento frutto di approfondite discussioni in IV Commissione, ha commentato: “La norma favorirà situazioni di illegalità sul territorio, scaricando sulla Città i costi delle persone fragili e del ‘prosieguo amministrativo’ di tutela dei minori, oltre a interrompere i percorsi di integrazione positiva avviati nei progetti SPRAR”.
Per il consigliere Francesco Tresso di Lista civica per Torino il Decreto non risponde ai problemi complessi sul tema, mentre la consigliera di Torino in Comune Eleonora Artesio è necessario che le preoccupazioni espresse della Sala Rossa giungano in Parlamento in occasione della conversione del decreto in legge, “visto il buon andamento del progetto SPRAR sul territorio locale”.
Dai banchi della maggioranza la capogruppo del M5S Valentina Sganga ha detto che l’approvazione dell’ordine del giorno “è uno stimolo per migliorare il provvedimento legislativo, con l’obiettivo di tutelare la Città in un modello di gestione applicato fino ad oggi che dovrà proseguire” e il suo “collega” di partito Antonino Iaria ha ribadito le perplessità grilline per un Decreto che “non aiuta la Città”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...