23.3 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Il senso di Fabrizio Ricca per l’ostruzionismo: “Se si fossero impegnati sulle paritarie l’avrei ritirato”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di A.D.

Seduta di Consiglio Comunale a Torino all’insegna dell’ostruzionismo. Protagonista il capogruppo della Lega Nord Fabrizio Ricca e la sua “montagna di emendamenti” presentati sul Bilancio 2017. Ma Chiara Appendino e la sua maggioranza una chance l’hanno avuta per evitare l’ostruzionismo: impegnarsi a trovare la soluzione per scongiurare il pesante taglio alla scuola paritaria, ovvero da 3 milioni di euro si passerà a 2 milioni 250 mila e le scuole coinvolte ospitano 5 mila bambini da 3 ai 6 anni e vi lavorano 500 persone. «Avrei ritirato l’ostruzionismo in cambio dell’impegno della sindaca, nel corso dell’anno, a ripristinare i fondi per le scuole materne paritarie che hanno tagliato», ammette Fabrizio Ricca.

Poi aggiunge: «Il capogruppo del Movimento Cinque Stelle Alberto Unia e Chiara Appendino hanno detto di no, che intendono andare avanti per questa strada. Ho anche detto che si sarebbe potuto pensare al ripristino anche quando sarebbero arrivati i 61 milioni che il governo di Roma deve alla Città. Niente».

Così l’ostruzionismo in Sala Rossa va avanti.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano