16.3 C
Torino
domenica, 31 Maggio 2020

Iaria debutta da assessore all’Urbanistica: “Niente freno a mano, trasformiamo Torino”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuovasocietà. Caporedattore dal 2017. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano.

Contento delle deleghe ottenute e pronto a lavorare per il futuro di Torino. Il neo assessore all’Urbanistica Antonino Iaria spezza le polemiche di chi gli ha fatto notare che rispetto al suo predecessore, Guido Montanari, non gli sono stati assegnati i compiti riguardanti il decoro e l’arredo urbano andate a Unia e soprattutto quelle relative al Piano regolatore rimaste in capo alla stessa sindaca Appendino.

«Non è questione di mandato dimezzato, ma di un diverso approccio: le competenze non vanno divise ma integrate. Modificare piano regolatore è possibile con un approccio che integra i diversi temi. Inoltre il piano regolatore coinvolge molti assessori ed è giusto che il coordinamento sia in capo alla sindaca».

- Advertisement -

E guai a parlare di freno a mano tirato. Per Iaria questa amministrazione ha «idee precise e alcune trasformazioni sono già partite. Il problema è che noi non siamo riusciti a raccontare bene il processo di trasformazione e quindi si è diffusa una narrazione che noi vogliamo fermare la città e non è vero». Insomma, avanti tutti fino al 2021 e oltre: «Il progetto non è solo arrivare a fine consigliatura, quello del M5s è un progetto che valere anche per i prossimi 7 anni, sarà difficile ma io non mi do per vinto».

- Advertisement -

Intanto, per quanto riguarda il suo lavoro l’assessore precisa che «sarà quello avuto in Città Metropolitana, con un metodo di lavoro attento alle sollecitazioni di tutti. Nella prima fase del mio lavoro – annuncia – incontrerò tutti i portatori di interesse. La città non è ferma, ma non siamo riusciti a raccontare bene il processo di trasformazione che stiamo portando avanti».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Ripresa perchè non porta la mascherina sul bus, sassate all’autista Gtt

Un'aggressione con una vera e propria escalation di violenza quella subita da una autista di Gtt questa mattina, all'altezza di corso Lecce. 

Teatro Regio, la prima vittima “con” Coronavirus

Molto spesso abbiamo sentito in questi mesi due differenti espressioni riferite al Covid: il paziente è morto “per” il coronavirus oppure “con”...

Stretta di Appendino sulla movida: le nuove regole valide fino al 6 giugno

La sindaca Chiara Appendino prova a mettere un freno alla movida visto le folle che hanno gremito locali e piazze della città...

Piazza San Carlo: chiesta conferma condanna per banda dello spray: “Rapina causa primaria di quanto avvenuto dopo”

Il pg di Torino Elena Daloiso ha chiesto la conferma della condanna di primo grado a 10 anni per tre dei quattro...

Coronavirus, in Piemonte 56 contagi

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica...