19.1 C
Torino
martedì, 16 Luglio 2024

Expo 2030, il graffio di Fiorello sul flop di Roma: “Con 30 milioni al massimo ci copri una buca”

Più letti

Nuova Società - sponsor

(Adnkronos) –
Il graffio ironico di Fiorello non poteva ignorare la mancata assegnazione a Roma dell'Expo 2030, che si terrà a Riad. “Con 30 milioni a Roma ci copri una buca. Bisognava semmai sostituire la lupa con una cammella. Abbiamo le buche? Scaviamo! Magari troviamo il petrolio”, ha detto lo showman siciliano nella puntata di oggi di 'Viva Rai2'. La rassegna stampa di Fiorello è iniziata proprio dall’ira del Sindaco di Roma Gualtieri. “Il sindaco ha dichiarato che i sauditi avrebbero dilagato grazie ai pedrodollari. Ma non è così…Vi pare che i sauditi comprano le cose? Come i mondiali in Qatar, l’Expo, le Olimpiadi… – dice ironicamente Fiorello – Vedrai che la prossima festa dell’Unità la faranno là”.  “Però, Gualtieri – ha continuato Fiorello – “bisognava fare qualche cosa, invogliare i giudici. Noi abbiamo investito 30 milioni, contro 190. Con 30 milioni a Roma ci copri una buca. Bisognava magari sostituire la lupa di Roma con una cammella! Ad esempio, abbiamo le buche? Scaviamo! Magari troviamo il petrolio”. Ma l’ironia dello showman non si ferma qui. “Facciamo i complimenti a Riad, grazie all’appello di Matteo Renzi. Sai che ha detto Bin Salman, l’amico di Renzi, quando ha visto che Riad era prima? Pare che abbia guardato la telecamera e abbia esclamato: ‘Daje!…”. E sull’Italia terza ha aggiunto: “Non ci ha votato neanche San Marino!”. Fiorello ha poi proseguito con le notizie legate al Governo e al Pnrr: “Perché noi siamo TeleMeloni”, ha esclamato. “Bruxelles ha dato il via libera alla quarta rata. Sono 102 miliardi… C’è un unico problema: che poi dobbiamo ridarglieli. Come facciamo, con Satispay magari? In omaggio riceveremo due cuscini ergonomici e un comodo piumino per le notti fredde”. La puntata è andata avanti a colpi di battute, musiche e balli (ospiti musicali della puntata Coez e Frah Quintale), fino ad arrivare a nuove rilevazioni sull’affaire Morgan-X Factor. “Ho una talpa a Sky – ha svelato lo showman – e so per certo che ci sono due fazioni contrapposte: la casa di produzione, Freemantle, che voleva il ritorno di Morgan, e Sky, che non lo voleva", ha detto Fiorello, spiegando che alla fine ha prevalso la volontà di Sky: "Stop Morgan".  —spettacoliwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano