18.9 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

Elena Ceste, i carabinieri a casa di Michele Buoninconti: nuovo sopralluogo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sarebbe il stato il terzo sopralluogo di ieri il motivo della “visita” dei carabinieri a casa di Michele Buoninconti, il marito di Elena Ceste, la donna scomparsa in una fredda mattinata di inizio 2014 dalla sua casa a Costigliole d’Asti i cui resti sono stati ritrovati il 18 ottobre nel canale di scolo Rio Merse. I militari avrebbero infatti perquisito la serra del marito, per caercare, molto probabilmente i resti di un telo agricolo, che a quanto pare potrebbe essere la chiave per risolvere il caso.
Una giornata, quella di oggi, in cui la terra nel canale di scolo a Isola d’Asti dove è stato rinvenuto il cadavere della casalinga 38enne, madre di quattro bambini, ha restituito altri resti: non solo i denti e altre ossa, ma anche parte di un telo, di quelli utilizzati dagli agricoltori per proteggere le piantagioni da freddo e grandine. e con il quale l’assassino di Elena avrebbe avvolto il suo cadavere.
Un telo facile da procurarsi soprattutto nel periodo in cui la mamma di Costigliole d’Asti è scomparsa, ovvero, quando le prime nevicate iniziavano a coprire i filari delle viti.
Gli inquirenti per ora rimangono in silenzio e la domanda se il corpo nudo della donna possa essere stato avvolto in quel telo resta per ora senza risposta. Così come le domande sul presunto ruolo del marito Michele, vigile del fuoco di 44 anni, unico iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere.

@elisabellardi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano