27.7 C
Torino
mercoledì, 17 Luglio 2024

Coronavirus, Preioni (Lega ): “Straordinaria capacità di reagire della comunità piemontese”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I piemontesi e il Coronavirus: un’emergenza che ha visto una comunità reagire e unirsi. Lo sottolinea il consigliere regionale della Lega Alberto Preioni: “In uno dei momenti più difficili della storia del nostro Paese, ogni giorno che passa prendiamo atto della straordinaria capacità di reagire di tutta la comunità piemontese. Nei territori decentrati così come nelle città, si registrano un po’ ovunque donazioni da parte di aziende e di privati, grandi e piccoli gesti di solidarietà e atti di volontariato, indirizzati soprattutto nei confronti delle persone più deboli che stanno soffrendo maggiormente la situazione. E poi ancora: medici, infermieri e forze dell’ordine, la protezione civile, tutti impegnati in prima linea per la tutela della nostra salute, e imprese, alcune delle quali riconvertite ad hoc, che lavorano giorno e notte per produrre materiale sanitario. Tutti insieme stiamo facendo sistema, dimostrando una forza impressionante e positiva in un momento così drammatico”.

Terminato il fine settimana caratterizzato dalle nuove strette che il Governo ha attuato su impulso della Lega Salvini per superare l’emergenza provocata dal Covid-19, il Presidente del Gruppo Lega Salvini Piemonte Alberto Preioni, ha voluto ringraziare in una nota diffusa in queste ore tutta la comunità regionale per il grande impegno profuso e l’attenzione dimostrata nel rispettare le regole.

“Sono moltissime le notizie che quotidianamente ci rimbalzano addosso da tutti i territori piemontesi, – ha dichiarato Preioni –  a partire dalle tante persone che stanno guarendo e che rendono, pur nella drammaticità del momento, il domani un po’ meno a tinte fosche. Mi riferisco alla distribuzione di mascherine e dispositivi di protezione personale alle case di riposo e alle strutture per anziani, avvenuta nel fine settimana e che proseguirà anche nei prossimi giorni, oppure al fatto che grazie alle donazioni di 10 aziende piemontesi, i 4 laboratori Arpa regionali sono riusciti a produrre in soli 8 giorni ben 568 litri di liquido igienizzante destinato al personale sanitario. Ma non solo. Penso – ha aggiunto Preioni – ai reagenti per completare le analisi dei tamponi del Covid-19 che saranno prodotti in Piemonte, oppure alle circa 1.100 risorse umane aggiuntive, tra medici, infermieri e Oss, assunte dalle Asl del Piemonte, sempre per fronteggiare l’emergenza in atto. In questo momento – ha ribadito Preioni – è necessario più che mai un lavoro sinergico tra gli enti, come se fossimo un unico corpo per combattere con determinazione ed efficacia il propagarsi del virus”.

L’Unità di crisi della Regione ha finora distribuito alle Aziende sanitarie piemontesi 800.000 mascherine chirurgiche, 130.000 mascherine FFP2, 7.000 mascherine FFP3, 200.000 guanti monouso, 20.000 camici protettivi, 100 pompe siringa, 19 videolaringoscopi (su 55 acquistati), 10.000 occhiali di protezione, 30.000 cuffie, 50.000 calzari. Sono stati acquistati 5.000 sistemi di respirazione (i “caschi Cpap”).

Preioni ha voluto, infine, sottolineare “l’impegno preso dalla Lega Salvini per tutelare economicamente le aziende che momentaneamente devono sospendere la loro produzione, così come sta avvenendo in altri paesi europei”. “Non ci dimenticheremo di loro, e faremo partire al più presto il Piano competitività interamente convertito sull’emergenza coronavirus per  600 milioni di euro – ha concluso Preioni.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano