23.3 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Comune di Torino a pieno regime da metà luglio: smart working per 1600 dipendenti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Una bozza della riorganizzazione della Città di Torino, per ripartire e affrontare la Fase 2 dell’emergenza Coronavirus.

Entro la prima metà di luglio la macchina comunale lavorerà a pieno regime. Ma il lavoro è già incominciato per la riorganizzazione degli spazi per ridurre al minimo i rischi di contagio.

Per questo saranno 1.600 dipendenti che lavoreranno stabilmente da casa attraverso smart working.  “Sarà necessario uno sforzo corale – ha spiegato la sindaca Chiara Appendino – che riguarda tutta la struttura: assessorati, sindacati, Codir, direzioni e personale tutto. Per fare ripartire il Comune e garantire servizi e ruolo di riferimento per cittadine e cittadini, in questa difficile fase di crisi e di cambiamento delle abitudini”.

“La citta’ si prepara, ma scadenze e modalita’ sono flessibili – ha continuato Appendino – perche’ dipendono dalle scelte del Governo e della Regione. La P.A. e’ chiamata a uno sforzo straordinario che richiede una riorganizzazione del lavoro per garantire tre dimensioni: efficienza, efficacia e sicurezza”.

Tra gli obiettivi dematerializzare un numero maggiore di servizi. “Il documento sulla riorganizzazione comunale – ha proseguito la sindaca – è ancora oggetto di discussione e modifiche. Sara’ poi sottoposto alla Giunta, probabilmente la prossima settimana”.

“Entro maggio – ha spiegato il segretario generale, Mario Spoto – è prevista la riapertura di metà degli sportelli, con postazioni protette. Altri verranno messi a norma, altri diventeranno “virtuali”. La riapertura completa è prevista verso fine giugno, per stabilizzarsi a luglio. Saranno riorganizzati gli spazi per le attivita’ in presenza, senza però acquisire nuovi spazi, e verrà rinforzato il servizio di prevenzione e protezione. Particolare attenzione verràprestata ai Servizi Sociali, soprattutto per i lavori fuori sede, come l’assistenza domiciliare.

Per i servizi culturali a gestione diretta, come la biblioteche, si prevede di approntare tutte le misure necessarie per proteggere personale e utenti entro la fine di giugno. Di concerto con i sindacati, verranno riattivate progressivamente anche tutte le funzionalità dei servizi operativi esterni della Polizia Municipale. Il Comune cercherà di non fare rientrare il personale immunodepresso e chi ha figli. Potrebbero essere installati termoscanner agli ingressi e ci saranno modalita’ diverse di accesso e uscita dei dipendenti: ad esempio, a Palazzo Civico si entrerà dal portone principale, per poi uscire dal Cortile del Burro. Gli ascensori saranno presidiati ad ogni piano.

 

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano