10.4 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Caos sondaggi, mentre il centrodestra avanza il Pd arranca: la coalizione non decolla

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il centrodestra, ad oggi, vincerebbe ma senza una maggioranza parlamentare

È panico sondaggi. Nessuno ne è immune e qualsiasi candidato o leader nazionale dei partiti dalla seconda frase in poi te ne citerà uno. Ma i numeri delle ricerche, pure con qualche differenza, dicono una cosa chiara: nessuno vincerà in modo netto. Quindi potremmo dire che la sconfitta è praticamente sicura per tutti.
Nel Partito Democratico, rigorosamente a microfono spento, la preoccupazione è tanta, soprattutto perché oltre ai numeri della lista Dem la maggior preoccupazione è data dalla coalizione che non decolla e delle tre liste apparentate l’unica che sta crescendo sensibilmente è la formazione +Europa di Emma Bonino.
Le altre liste oltre a non essere pervenute, soprattutto si collocano tutte molto al di sotto della soglia dell’errore statistico, quindi la rilevazione è difficile. Ma sono assenti anche sui territori, tanto che molti degli stessi militanti del centrosinistra contattati non si ricordano neanche il nome.
Osservando gli ultimi sondaggi i dem hanno come “previsione ottimistica” il 22-23% per il Pd e il 24% se va molto bene. La lista +Europa si avvicinerebbe al 3 % e le altre due liste, quella della ministra Lorenzin e “Insieme”: non arriverebbero, sommate, all’1%. I conti sono facili da fare.
Il Movimento 5 Stelle è stabile tra il 26 e il 27%, immobile con il suo voto apodittico, qualsiasi cosa accada. E ne sono accadute tra scandali rimborsi e imbarazzanti candidature, nulla scalfisce il loro granitico elettorato.
Il centrodestra, invece, merita un discorso più articolato. Gli ultimi dati di questa settimana indicano che i fatti di Macerata hanno giovano più a Forza Italia (in lieve salita) che alla Lega (in leggero calo, scesa all’11%). Ma in questa strana campagna elettorale, tanto da non essere neanche percepita ai più, lo scenario più probabile è una vittoria di Pirro del centrodestra, senza però avere i numeri nelle Camere:  attualmente raccoglierebbe 296 deputati, “solo” 20 in meno della quota di 316 necessaria alla Camera, e 153 senatori, cinque in meno della soglia.
Quanto a “Liberi e Uguali” a livello nazionale sono dati al 6%, un risultato che produce un unico effetto politico:  fare perdere diversi collegi uninominali ai candidati Pd, conseguenza coerente con la loro campagna elettorale tutta tesa a erodere quella parte di elettorato democratico scontento. Da venerdì partirà il divieto tassativo alla pubblicazione e diffusione dei sondaggi, norma applicata ai 15 giorni che precedono il voto.
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano