13.1 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Ancora polemiche sulle Foibe. Per Grimaldi (LUV) la Regione distribuirà nelle scuole un fumetto di estrema destra

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La Regione Piemonte ha annunciato, attraverso l’Assessora alla Scuola, Elena Chiorino, la prossima distribuzione gratuita del fumetto “Foiba rossa. Norma Cossetto, storia di un’italiana”. «Questo testo – spiega Grimaldi capogruppo di Liberi Uguali Verdi in Regione – ha due ordini di problemi uno di tipo formale e uno di aderenza storica dei fatti raccontati».

Il fumetto è pubblicato da Ferrogallico, che secondo il consigliere Grimaldi sarebbe una casa editrice di fumetti «vicinissima all’estrema destra».

Sempre secondo l’esponente della sinistra piemontese nel consiglio d’amministrazione della casa editrice siederebbero esponenti di estrema destra o figli di personaggi legati a quegli ambienti.

La presunta «matrice neofascista degli autori e degli editori», come spiega in una nota Grimaldi «si rovescia naturalmente sul testo che verrà distribuito agli alunni piemontesi, ed è la scarsissima aderenza storica delle avventure narrate nel fumetto».

E questo preoccupa maggiormente Grimaldi: «Nel fumetto si fa percepire erroneamente un passato mitico puramente italico dell’Istria, con la presenza slava, pur millenaria, completamente rimossa, oppure la riproduzione di una falsa ordinanza di pulizia etnica anti-italiana nel Trentino e sull’Adriatico orientale che sarebbe stata firmata dall’imperatore austriaco Francesco Giuseppe in persona e a un falso ordine di Tito che avrebbe ordinato sic et simpliciter di cacciare gli italiani dall’Istria (p. 13 e p. 48, entrambi completamente smentiti dai fatti)».

«In questo contesto – attacca Grimaldi – è totalmente priva di senso la riproduzione della entusiastica e spontanea aderenza all’Italia degli istriani, che in molti casi fu invece un’italianizzazione forzata e una snazionalizzazione violenta, così come appaiono assolutamente fuori luogo i lunghi momenti in cui il buon patriarca italico esibisce la camicia nera in scene di altruismo e magnanimità e tutti i saluti fra i popolani assomigliano decisamente a saluti romani».

«È un refrain che torna ciclicamente e da cui non riusciamo a uscire – commenta Marco Grimaldi –. È successo anche ieri, quando all’interno della richiesta delle dimissioni del Presidente di Atc Nord, dopo le ignobili dichiarazioni in cui rivendica il suo essere fascista, grazie al Consigliere Marrone (tra gli entusiasti di questa iniziativa regionale) siamo tornati a parlare di foibe, e della lotta di liberazione come guerra civile in cui si usano i crimini come strumenti retorici volti a riequilibrare le responsabilità che la Storia ha già assegnato chiaramente».

«Se vi è stata una frammentaria conoscenza della nostra Storia – prosegue Grimaldi – i progetti atti a far luce sul contesto istriano sono meritori, ma solo se chiariscono anche le circostanze della pulizia etnica avvenuta in quei luoghi, le atrocità commesse dagli eserciti italiani e tedeschi durante la guerra o l’italianizzazione forzata a cui fu sottoposta l’Istria. Continuare a parlare di guerra civile, raccontare storie parziali e inesatte non è invece la strada corretta».

«La Regione Piemonte non ha i fondi per distribuire copie della Costituzione italiana, per supportare le istituzioni che si occupano di memoria e resistenza anche piemontese – conclude Grimaldi –, ma li trova per distribuire a pioggia un prodotto qualitativamente pessimo e parziale, legato a triplo nodo al neofascismo italiano. Se alla Giunta Cirio sta a cuore lo studio della storia nelle scuole piemontesi – conclude Grimaldi – chiederemo già martedì in aula di riservare risorse per dare gratuitamente i libri di testo di questa materia a tutte le alunne e gli alunni di ogni scuola di ordine e grado».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano