14.5 C
Torino
lunedì, 2 Agosto 2021

Salbeltrand, per Arpa nessuna traccia di cromo esavalente

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Non ci sarebbero tracce di cromo esavalente nei terreni di Salbeltrand. Ad affermarlo è l’Arpa incaricata dalla Procura di Torino di fare accertamenti nell’ambito dell’inchiesta aperta su possibili rischi ambientali per cui il Comune valsusino si è costituito parte offesa.

Proprio il sindaco Roberto Pourpour aveva nelle scorse settimane denunciato la presenza di sostante inquinanti, tra cui cromo esavalente fortemente cancerogeno, nella falda acquifera. 

I terreni in questione sono quelli in cui sono previsti lavori connessi alla Tav: proprio lì infatti dovrà sorgere il deposito di smarino derivsante dal cantiere di Chiomonte. Secondo le verifiche di Arpa il cromo esavalente sarebbe retrocesso, ma restano comunque solfato di ferro e al manganese in valori superiori alla norma. Per questo il monitoraggio della zona proseguirà. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano