15 C
Torino
martedì, 4 Agosto 2020

Università Torino, stop borse di studio per gli “studenti violenti”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Paolo Bogliano
Paolo Bogliano
Inizio nel 2001 come redattore presso News Italia Press oltre a scrivere articoli segue la rassegna stampa internazionale. Si trasferisce a Milano dove si forma come comunicatore all'interno dell'organizzazione di eventi e customer care.


Niente borse di studio per gli universitari che sono considerati dei “violenti e facinorosi”. Così è stato deciso da un provvedimento, definita della maggioranza in Regione Piemonte di “portata quasi storica”, e che aveva fatto già discutere nei mesi scorsi quando venne proposto. La possibilità di revocare le borse di studio a chi si rende protagonista di gravi comportamenti, tali da essere sanzionati con provvedimenti disciplinari degli atenei superiori all’ammonizione.

Un provvedimento, spiegano da Edisu che “pone un importante principio di meritocrazia e di legalità all’interno degli Atenei piemontesi. Da quest’anno i violenti e i facinorosi, quella minoranza di studenti che invece di studiare devastano puntualmente le aule, impedendo a chi non la pensa come loro di esprimere le proprie opinioni con la violenza e anche di studiare nei propri spazi, avranno vita più dura e rischieranno di perdere i benefici delle borse di studio erogate dalla Regione”.

- Advertisement -

E’ il risultato delle politiche dell’assessore regionale al Diritto allo Studio universitario, Elena Chiorino e del presidente dell’Edisu, Alessandro Sciretti, che fin dal primo giorno avevano giudicato inaccettabili gli episodi di violenza all’interno delle università piemontesi avvenuti nei mesi scorsi. “Episodi che avevano costretto alcuni Atenei a sospendere lezioni ed esami e che avevano provocato danni ingenti alle strutture, compreso il ferimento di alcuni esponenti delle Forze dell’ordine”, dicono da Edisu.

- Advertisement -

Con l’approvazione del Bando Edisu 2020-2021, avvenuta questo pomeriggio, la Regione Piemonte “garantisce con grande determinazione il diritto allo studio universitario anche in questo complicatissimo periodo storico. L’Ente continuerà a garantire borse di studio, servizio abitativo, ristorazione e tutte le altre provvidenze sono sostenute come ogni anno dal trasferimento regionale”.

“Si tratta di un passo molto importante – spiega Chiorino – perché afferma un principio fondamentale, ovvero il rispetto della legalità all’interno dell’Ateneo, della meritocrazia e delle più basilari regole del vivere civile. L’Università è certamente un luogo di confronto, ma non può essere considerata una zona franca in cui chiunque, in base ad astrusi ragionamenti ideologici, può fare ciò che vuole, anche arrivando al punto di distruggere e devastare spazi pagati con le tasse dei piemontesi. Con questo provvedimento la Regione dice no al “dirittismo”, ovvero alla teoria che tutti possano fare ciò che credono, senza dover rispondere di alcun dovere, ma, allo stesso tempo, garantisce il diritto allo studio a tutti e con tutti i mezzi a disposizione”.

“Sono molto soddisfatto dell’approvazione di questo bando – conclude Sciretti – che mette insieme la necessità di supportare gli studenti capaci e meritevoli nell’era post-Covid e la volontà di affermare un valore fondamentale: il rispetto delle regole è parte integrante dei requisiti di merito”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Prefettura e Regione fermano nuovi arrivi di migranti in Piemonte

Non ci saranno altri arrivi di migranti in Piemonte. È questo il risultato dell'esito dell'incontro in Prefettura tra il prefetto di Torino...

Concorso per dirigenti del Comune di Torino: candidati denunciano errori nella procedura

A seguito della pubblicazione da parte del nostro giornale dell’articolo sulla prima fase del concorso per dirigenti del Comune di Torino sono...

Coronavirus: Piemonte +15 positivi e nessun decesso

Sono 15 le nuove positività al Coronavirus registrate oggi in Piemonte. Sei sono asintomatiche. Tre dei casi sono importati. E' quanto si...

La guerra del retino. “Se non fermi tuo figlio hai meno neuroni del granchietto che ha messo nel secchiello”

“Vuoi insegnare a tuo figlio che non è normale e non è un gioco far morire in un secchiello un granchietto dopo...

Concorso per dirigenti Comune di Torino: su 700 candidati solo 36 passano. Polemiche in vista

Sono passati dieci anni dall’ultimo concorso per dirigenti bandito dal Comune di Torino, era infatti il 9 giugno 2010, concorso annullato dal...