13.7 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Tav, a Virano il premio “Torinese dell’anno 2012” per il cantiere che non c’è

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È Mario Virano il torinese dell’anno 2012. Al presidente dell’osservatorio sul Tav spetta questo riconoscimento, che gli verrà consegnato domenica prossima, quando 366 lavoratori riceveranno il premio fedeltà al lavoro, dedicato a chi ha svolto almeno 35 anni di attività imprenditoriale e di servizio nella stessa azienda. Alessandro Barberis, presidente della Camera di Commercio del capoluogo piemontese, assegnerà il premio a Virano per «aver coordinato con equilibrio e autorevolezza la realizzazione dell’asse ferroviario Torino-Lione, avviandone il cantiere, legittimando il metodo del confronto con le istanze locali e privilegiando l’ascolto, senza perdere di vista l’obiettivo strategico della costruzione di un’infrastruttura secondo gli standard europei contemporanei, in grado di contribuire efficacemente alla competitività del territorio e dell’Italia».
Leggendo le motivazioni sinceramente viene da domandarsi se il premio “Torinese dell’anno” a Virano non sia stato assegnato così, giusto per stuzzicare ulteriormente gli oppositori dell’opera. O forse solo per le “intenzioni”: infatti ad oggi non è stato ancora avviato nessun cantiere e come è stato ripetuto più volte si sta lavorando solo ad un tunnel geognostico a Chiomonte. E anche sul «metodo del confronto con le istanze locali», vista la militarizzazione del territorio, come denunciato più volte dagli abitanti della Val di Susa, ci sarebbe molto da dire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano