11.4 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Sgombero case Atc in corso Grosseto. Soddisfazione bipartisan di Lo Russo e Marrone 

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sgomberate alcune case di edilizia popolare occupate in corso Grosseto, nel quartiere Borgo Vittoria. Una notizia accolta positivamente sia dal sindaco di Torino Stefano Lo Russo che dall’assessore Regionale alle Politiche Sociali Maurizio Marrone, firmatario del protocollo sugli sgomberi sottoscritto in Prefettura che indica il termine massimo di un mese per liberare gli alloggi dagli abusivi.

“Questa mattina sono state effettuate le operazioni di sgombero di alcuni alloggi illegalmente occupati nelle case Atc di corso Grosseto che, come Città, avevamo richiesto il 21 ottobre scorso in sede di tavolo della sicurezza, alla luce delle segnalazioni di ripetute attività criminali condotte dagli occupanti abusivi” ha dichiarato Lo Russo. “Ringrazio il Prefetto, il Questore, tutte le forze dell’ordine e i nostri servizi sociali – aggiunge il sindaco – che hanno reso possibile le operazioni di sgombero con regolarità e senza alcun incidente. La cultura della legalità e il contrasto alle attività criminali nella nostra Città passa anche da operazioni come questa

Per Marrone “Finalmente con il governo Meloni l’aria sta cambiando anche in una città come Torino, dove per anni l’immobilismo della giunta comunale ha consentito agli abusivi di prosperare”. “Ora ci auguriamo che gli sgomberi possano avvenire anche in tutti gli altri complessi Atc che si trovano in una situazione simile. Bisogna scegliere se stare dalla parte della legalità o se continuare a fingere di non vedere un problema che colpisce innanzitutto le fasce più fragili della nostra società, che sono stufe di questi soprusi e cominciano a reagire, subendo in aggiunta violenze e aggressioni”, conclude Marrone.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano