16.8 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

Primo passo in Piemonte per la Cannabis ad uso terapeutico . “Basta canapa dalle mafie”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Primo via libera, in Piemonte, all’uso terapeutico della cannabis. È stata approvata dalla Commissione regionale Sanità la delibera regionale di indirizzo che recepisce le disposizioni contenute nel cosiddetto “decreto Lorenzin”.
Nelle prossime settimane l’Assessorato manderà un’informativa a tutte le Asl piemontesi e a tutti i medici di famiglia, per diffondere la conoscenza dell’impiego, le modalità di prescrizione e le forme di rimborso.
«Abbiamo deciso di dare il via libera a questa prima delibera di attuazione della legge – commenta  Marco Grimaldi – fidandoci della volontà della giunta di allargare le maglie del Decreto Lorenzin, anche per rendere da subito accessibile e rimborsabile l’impiego ad uso medico della cannabis relativo alla cura dei sintomi di dolori cronici, sclerosi multipla, lesione del midollo spinale, nausee e vomito causati da chemioterapia, radioterapia, terapie per Hiv, cachessia, anoressia, perdita dell’appetito in pazienti oncologici o affetti da Aids, anoressia nervosa, glaucoma, movimenti involontari del copro e facciali nella sindrome di Tourette».

«Continueremo a batterci per non limitare l’uso terapeutico della canapa e la sua produzione – aggiunge Grimaldi -. Vogliamo che nessun malato sia più costretto ad acquistare la canapa dalle mafie».

Davide Bono, del Movimento 5 Stelle, invece  parla di un regolamento «troppo timido che si limita a recepire i rigidi paletti nazionali». «Non sono nemmeno previsti progetti sperimentali di produzione in Piemonte, inseriti invece nel testo di legge approvato dal Consiglio regionale – continua Bono – L’assessorato alla Sanità dovrà inoltre, nel più breve tempo possibile, attuare un capillare percorso di informazione rivolto a tutti i medici del Piemonte».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano