19.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Prima assemblea cittadina online del Movimento 5 stelle: “Torino ha bisogno di noi”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Si è svolta ieri sera la prima assemblea in videoconferenza degli attivisti torinesi del Movimento 5 stelle. A partecipare i consiglieri comunali e di circoscrizione, l’assessore Alberto Unia, il senatore torinese Alberto Airola e il facilitatore regionale Davide Bono. Assieme a loro anche un centinaio di militanti torinesi. 

“Si è trattato del primo di una serie di appuntamenti che disegneranno il percorso sul futuro del Movimento torinese. Oggetto del confronto non sono state le tematiche di maggiore attrattività giornalistica, come la scelta del candidato a sindaco o le alleanze, assetti che si definiranno solo dopo gli Stati Generali del Movimento a livello nazionale in autunno, ma le tematiche su cui, come forza politica che amministra la città, intendiamo concentrarsi per l’ultimo anno di mandato e per quelli a seguire” spiegano dal Gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle.

“Dalle battaglie storiche a nuove idee per perseguire il processo di rinnovamento della città sulle linee guida della mobilità sostenibile, del sociale, dell’attenzione alla riqualificazione delle periferie fino alle politiche sul lavoro e l’innovazione per rendere maggiormente attrattiva la nostra Torino. Abbiamo analizzato i successi e le difficoltà di questi quattro anni, riconosciuto qualche errore ma anche ritrovato uno spirito di rinnovata unità e voglia di perseguire nel processo di cambiamento di una città che non merita di tornare alla deriva economica e morale delle consorterie che per decenni l’hanno amministrata e che ora lanciano stucchevoli appelli alla ricerca di appoggi civici per non vedersela strappare un’altra volta”, proseguono

“La realtà è che Torino ha ancora bisogno del Movimento 5stelle e di tutte le persone che, dalla sindaca ai consiglieri, in questi anni si sono spesi per costruire un percorso verso una città più aperta, innovativa e attenta ai bisogni dei cittadini. Per questo da oggi i nostri gruppi di lavoro tematici saranno impegnati alla stesura del programma e ad organizzare assemblee pubbliche volte a raccogliere le istanze e le idee di quei cittadini e di quelle cittadine che vedono l’orizzonte futuro, non nell’appuntamento elettorale e nella spartizione di posti di potere, ma in una visione condivisa di Città per il 2030” concludono. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano