18.6 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

Parigi, vertice internazionale sul pericolo Is. Via ai voli di ricognizione francese in Iraq

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Inizia oggi a Parigi il vertice internazionale su pace e sicurezza in Iraq, che mira alla definizione di una strategia comune contro l’avanzata delle milizie dell’Is, l’autoproclamato Stato islamico. Lo presiedono il presidente francese Francois Hollande e il premier iracheno Fouad Massoum, alla presenza dei ministri degli esteri di circa venti Paesi; tra questi l’Italia con Federica Moghrini, da poco nominata nuova lady Pesc.
Il summit si svolge all’indomani della decapitazione di un terzo ostaggio, l’inglese David Haines, rapito in Siria nel 2013 mentre lavorava in qualità di esperto di sicurezza per una Ong. Si teme ora per la vita del quarto uomo, il britannico Alan Henning.
«Non c’è tempo da perdere – ha esordito il presidente Hollande, inaugurando il vertice – Il caos fa il gioco dei terroristi. Bisogna quindi appoggiare coloro che possono negoziare e fare i necessari compromessi per preservare il futuro della Siria». Il riferimento del presidente francese, tutto interno al Paese, si riferisce alla sua opposizione cui chiede collaborazione.
A fargli eco è il presidente iracheno, Fuad Masum, che ribadisce la necessità di un intervento rapido e concertato da parte delle forze internazionali per bloccare la pericolosa espansione dell’Is e dei jihadisti che già hanno conquistato ampie zone della Siria.
«Si tratta di un problema grande che non riguarda solo l’Iraq – ha insistito Masum, cavalcando le paure occidentali – si estenderà ad altre parti del mondo. Molte persone arrivano dall’Europa. E a loro volta creeranno cellule dormienti».
Nel frattempo il ministro della difesa Francese, Jean-Yves Le Drian, in visita negli Emirati Arabi ha annunciato per oggi i primi voli di ricognizione dell’aviazione transalpina in Iraq nell’ambito dell’operazione internazionale contro lo Stato Islamico.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano