17.8 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Montalbano (deMa): “Alla Patti tutta la nostra solidarietà

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La sindaca di Torino, Chiara Appendino, ha revocato le deleghe all’Istruzione all’assessora Federica Patti. È stata la stessa prima cittadina a comunicare la decisione alla diretta interessata. Deborah Montalbano, portavoce consiliare di demA Torino, esprime all’assessora piena solidarietà umana e politica, in quanto si è sempre attivata per rispettare il programma del Movimento 5 Stelle senza però trovare alcun supporto politico e istituzionale.

«Chiara Appendino – dichiara la consigliera comunale, Deborah Montalbano – sta nascondendo le proprie responsabilità usando l’assessora Patti come capro espiatorio. Poche ore fa la sindaca di Torino ha liquidato con un apparente ringraziamento il lavoro svolto dall’assessora, parlando di un “contesto difficile”.  Le questioni contestate sono cronaca nota. Prima fra tutti, la mancata diminuzione delle rette scolastiche per le famiglie, come previsto dal programma del Movimento 5 Stelle. Un provvedimento politico che sarebbe stato contabilizzato per circa 4 milioni a bilancio».

- Advertisement -

Continua Montalbano: «Tuttavia, ogni qual volta l’assessora Patti ha tentato di sollecitare su questo tema la sindaca Chiara Appendino, non ha ottenuto risposte positive. Stesso risultato per la tragica questione della Tundo, su cui l’assessora Patti si è dimostrata ricettiva e su cui ha più volte spronato i vertici politici, ricevendo in cambio solo disinteresse. Sono state infatti convocate in più occasioni, su mia richiesta quando ero Presidente della IV Commissione, commissioni riguardanti la Tundo, proprio perché ne intravedevo il potenziale di una bomba ad orologeria pronta a esplodere nei confronti dei lavoratori, e ho sempre trovato in Federica Patti una persona ricettiva.

- Advertisement -

«La revoca delle deleghe arriva proprio nel momento in cui, venerdì 11 gennaio, in Capigruppo è stata rinviata la richiesta di dimissioni del Partito Democratico dalla capogruppo del Movimento 5 Stelle. Tempistiche eccezionali, in quanto la revoca avrebbe sicuramente messo in luce, a mio avviso, le divergenze interne del Movimento 5 Stelle sulla figura di una persona come Federica Patti, una donna lasciata nella più totale solitudine senza la possibilità di poter concretizzare alcuna iniziativa politica. Credo che non sia possibile trattare le persone in questa maniera, non solo sul fronte politico, ma anche e soprattutto su quello umano. Esprimo la mia solidarietà e quella di demA Torino all’assessora Federica Patti», conclude Montalbano.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...