18.1 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Materie prime e innovazione: ecco il panettone tradizionale rivisto dal Maestro Massari

Più letti

Nuova Società - sponsor

Dopo tanti anni di industrializzazione, e in un mercato in cui la dicitura “artigianale” può apparire ovunque senza la certezza della sua veridicità, il panettone tradizionale sta ritrovando finalmente la collocazione che gli spetta di diritto.

Il merito va naturalmente a quei maestri pasticcieri che, a dispetto della lunga storia di questo dolce, continuano a studiare lavorazioni alternative e abbinamenti nuovi per renderlo sempre al passo coi tempi e gradito anche ai palati più esigenti.

Quando si parla di rispetto per la tradizione e visione innovativa unite insieme a raggiungere un equilibrio che punta alla perfezione, il pensiero non può che andare a Iginio Massari che, al Panettone Artigianale, ha apposto in modo indelebile la sua firma. Il miglior prodotto sul mercato al momento è proprio il suo e a lui si pensa quando si cerca il regalo ideale da farsi o da fare per rendere unica la tavola delle feste.

Il panettone di Iginio Massari è frutto di una lavorazione laboriosa e complessa che inizia ben prima di dicembre: si comincia a notte fonda e si prosegue senza sosta nel laboratorio della pasticceria Veneto di Brescia. Non una, ma ben quattro lievitazioni, per 62 ore totali, che conferiscono a questo dolce una consistenza unica, e scelta attenta e approfondita delle materie prime da lavorare con cura per arrivare a creare quell’eccellenza tricolore che tutto il mondo ci invidia.

Rivisitare un dolce con una storia così lunga alle spalle non è certo semplice: il Panettone è come un contenitore di ricordi, il simbolo assoluto delle feste per tutti noi, e in quanto tale va trattato con delicatezza. Solo un uomo dalle grandi capacità e dalla profonda sensibilità come Iginio Massari poteva riuscire a renderlo, centinaia e centinaia anni dopo la sua nascita, nuovamente il Re assoluto delle nostre tavole in un’occasione così importante come il Natale.

Che sia nella versione classica o in quella al cioccolato, o al pistacchio o al cacao e cioccolato, tutti i suoi Panettoni sono il frutto di una visione che mette al primo posto la qualità: sebbene gli ingredienti della ricetta siano semplici, vanno infatti scelti con grande attenzione per consentire all’impasto di trovare la perfetta realizzazione. Le uova, il burro, la farina, l’uvetta, i canditi tutto deve essere di prima scelta, pena la mancata riuscita del prodotto perfetto che ci si aspetta.

E poi ovviamente queste materie prime vanno combinate nel modo giusto, cercando sapori che si valorizzino e si esaltino a vicenda senza sovrapporsi, trattate nel rispetto della tradizione e, infine, cotte a regola d’arte.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano