18 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Marrone chiede di sospendere il consiglio comunale. L'ex Fuan il 9 dicembre sarà in piazza con i Forconi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dopo l’estrema destra, anche il centrodestra, quello istituzionale si schiera apertamente col movimento che il 9 dicembre faranno la rivoluzione, secondo quanto da loro annunciato.
Maurizio Marrone, consigliere comunale torinese di Fratelli d’Italia, segue le orme di Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova che alcuni giorni fa ha ufficializzato l’adesione del movimento. L’esponente dell’ex Fuan chiede la sospensione dell’assemblea in Sala Rossa. Tale gesto per solidarizzare con la «manifestazione popolare e spontanea indetta a partire dal 9 dicembre».
«Parteciperò alla protesta – annuncia Marrone – Se contro questo governo di larghe intese e lunghe attese, sostenuto da un Parlamento illegittimo per sentenza della Corte Costituzionale, si prepara una spallata popolare, pacifica e tricolore con le parole d’ordine di sovranità monetaria e difesa dell’economia reale dalla speculazione finanziaria, io ci sono, senza bandierine di fazione o strumentalizzazioni».
Insomma mentre sempre più negozi e bar annunciano di tenere le saracinesche abbassate per paura e mentre le squadracce consigliano di tenere chiuso per la giornata di lunedì, questura e prefettura non prendono precauzioni speciali anche se dicono di seguire la manifestazione e l’evolversi della situazione con attenzione.
Nel capoluogo piemontese la protesta si dividerà in tre tronconi: in centro in piazza Castello, alla periferia nord in piazza Derna, a sud in piazza Pitagora.
La chiamata a raccolta è fissata per le 5.30 del mattino per dare il via a “L’Italia si ferma”.
Intanto sui social network, il coordinamento torinese raccomanda il rispetto del «codice comportamentale, la base per la riuscita del blocco per garantire la forma civile della protesta e la riuscita del progetto». Anche se il progetto a quanto pare è far cadere il governo Letta e farvi seguire un governo di transizione capitanato da un militare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano