23.3 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Il Pd torinese scrive a Franceschini: “Tavolo di crisi e aiuti urgenti per la cultura e il turismo”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Pd torinese lancia un appello al Governo perchè aiuti il comparto culturale e turistico della città messo in ginocchio dall’emergenza Coronavirus che ha costretto ad annullare spettacoli e rassegne e ha fatto si che molti visitatori rinunciassero alla loro permanenza torinese.

Per questo il segretario metropolitano di Torino Mimmo Carretta e il responsabile Cultura della segreteria, Daniele Valle, hanno scritto una lettera aperta al Ministro Dario Franceschini per chiedere un aiuto per il settore culturale.

Nella lettera si propone infatti «l’apertura di un tavolo di crisi e interventi urgenti, sia attraverso lo stanziamento di risorse straordinarie di sostegno, sia attraverso l’adozione di provvedimenti normativi ad hoc per la salvaguardia dei finanziamenti ordinari, che potrebbero venire compromessi dallo stop alle attività».

Carretta e Valle ricordano anche come l’adozione di misure straordinarie per il Coronavirus è avvenuto in un «particolare periodo dell’anno, quello delle settimane bianche e delle gite scolastiche, cruciale per il turismo piemontese».

Gli esponenti Dem, infine, precisano che «Torino e il Piemonte stanno investendo da anni sull’alta qualificazione della propria offerta culturale, con importanti ricadute sul benessere dei cittadini e sull’attrattività turistica del territorio, che ha saputo aprirsi a una vocazione fino a pochi anni fa impensabile per la Regione dell’industria per eccellenza. Tuttavia temiamo che gli attori locali, a partire quelli istituzionali quali Comune e Regione, fino alle fondamentali fondazioni di origine bancaria, oggi non possano fronteggiare da soli la calamità che stiamo attraversando e che i fragili risultati raggiunti in questi anni possano essere compromessi. Abbiamo bisogno che il nostro Governo ci sia vicino».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano