2.8 C
Torino
giovedì, 27 Gennaio 2022

Fridays for future appello al sindaco: “Non faccia passi indietro su ambiente”. Lo Russo: “Smog emergenza contro cui lottare”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Hanno scelto la piazza del Comune come luogo della loro protesta di oggi i giovani di Fridays for future, per lanciare un segnale forte al nuovo sindaco Stefano Lo Russo e alla nuova amministrazione. Con gessetti colorati hanno scritto “Torino capitale dello smog” sul pavimento di piazza Palazzo di Città.

“Questo è il primo messaggio che mandiamo al nuovo sindaco Stefano Lo Russo che prima cosa, per noi inspiegabile, ha già annunciato che Torino tornerà dentro l’osservatorio Tav, che è praticamente inutile” spiegano gli attivisti che lottano per il clima. 

I ragazzi del movimento nato da Greta Thumberg si sono anche dimostrati preoccupati che la nuova amministrazione non modifichi le posizioni prese da Appendino in fatto di attenzione ai problemi ambientali: “Nel programma di Lo Russo sembra che il tema ambiente sia ampiamente trattato ma quello che conta sono i fatti – commenta Luca Sardo, leader del movimento – di certo non accetteremo passi indietro”. Al suono di una sirena i giovani si sono buttati per terra a simboleggiare le migliaia e migliaia di morti per inquinamento. “Non escludo che questa situazione di smog a Torino mi convinca a cambiare città – dice Irene, 18 anni – e come me lo stanno pensando altri miei coetanei”.

Intanto il neosindaco si è rivolto ai ragazzi: “Grazie di esserci, voi siete il futuro”.
“Stiamo costruendo la squadra di governo della città per i prossimi cinque anni e la tematica ambientale è al centro dell’agenda politica del centrosinistra – sottolinea – A breve i ragazzi, ma non solo loro, avranno un interlocutore all’interno della mia giunta. Lo smog è una grande emergenza.- aggiunge – viene correttamente chiesto un piano di resilienza climatica con obiettivi tangibili e concreti ed è quello che ci impegniamo a fare”.
Lo Russo sottolinea come esista in città “una colossale questione di risparmio energetico che riguarda la mobilità e il ricondizionamento degli edifici. Su questo fronte abbiamo già qualche idea per raggiungere obiettivi concreti di riduzione di emissione di Co2, per dare il nostro contributo al contrasto al cambiamento climatico”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano