13.5 C
Torino
lunedì, 2 Agosto 2021

Coronavirus, multa record a Torino: 4000 euro al rider che consegna cibo a domicilio

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor

Chissà quanto dovrà lavorare per poter pagare la sanzione inflittagli dalla polizia Municipale di Torino, per avere violato a dir loro, le norme restrittive contro il Coronavirus; 4000 euro di multa a Marwen, un giovane rider che ogni giorno consegna il cibo a domicilio, e ogni ordine gli frutta solo 5 euro lordi.

Marwen è stato fermato in strada da due motociclette dei vigili: “Abito a Carignano e per effettuare le consegne devo spostarmi a Torino, così sono partito in auto verso Torino Nord e ho effettuato la prima consegna in corso Novara”.

“Solitamente quando completo il primo ordine della giornata, mi sposto assieme ad altri colleghi verso il centro, perché essendo pagati a cottimo siamo costretti a cercare dei punti strategici per velocizzare le richieste di ritiro e consegna. Però in piazza Derna sono stato fermato da alcuni vigili in moto; ho semplicemente raccontato la verità mostrando il contenitore di Glovo, l’azienda per cui lavoro, e giustificando il mio spostamento per motivi lavorativi, ma non hanno voluto sentire ragioni”.

Ad un certo punto la polizia municipale ha chiesto una dimostrazione dell’ordine evaso: “Ma io non potevo mostrargliela”, continua il rider, “perché una volta consegnato il pacco si cancellano automaticamente i dati del cliente per questione di privacy” in questo modo è scattata la multa con importo così elevato: “hanno contestato il fatto che ero fuori dal Comune di residenza, su un mezzo privato e senza un apparente motivo”.

Marwen si è sente vittima di una grande ingiustizia e per questo ha deciso di girare un video durante il fermo e condividerlo sui social. Non è la prima volta che i vigili usano il pugno duro contro i rider: “È capitato non solo a me ma anche a tanti altri colleghi, sopratutto negli ultimi giorni. Lo trovo incomprensibile dato che siamo una delle poche categorie che servono la città in questi giorni di lockdown”.

Sicuramente ora seguirà il ricorso da parte di Marwen: “spero che vada tutto bene anche perché purtroppo, come al solito, dall’azienda non ho ricevuto nessun tipo di sostegno pratico e me la dovrà cavare con le mie sole forze” .
Vedremo come andrà a finire, sicuramente il ragazzo non si sentirà più tranquillo nel fare il suo lavoro.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano