17.3 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Coronavirus, le commissioni comunali a Torino non si fermano. Magliano (Moderati): “Appendino ostaggio dei suoi”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.
Il Movimento Cinque Stelle, rappresentato oggi in Conferenza capigruppo a Torino dalla consigliera pentastellata Viviana Ferrero vota contro,  alla proposta, condivisa dalla sindaca Chiara Appendino e dagli assessori di annullare, come è già avvenuto in consiglio regionale, vista l’emergenza Coronavirus, le prossime Commissioni del Consiglio Comunale di Torino.
«Decisione senza senso, che probabilmente neanche la stessa Ferrero saprebbe motivare – commenta il capogruppo dei Moderati in Sala Rossa Silvio Magliano – Appendino ancora una volta si dimostra ostaggio di una Maggioranza irresponsabile».

Racconta Magliano: «Durante la Capigruppo di oggi, Minoranze e Assessori si trovano d’accordo: la sospensione anche in Comune di tutte le prossime Commissioni è per tutti, date le circostanze, l’unica opzione ragionevole. La Giunta ringrazia per la proposta e riconosce la responsabilità politica dimostrata dalle Minoranze, che in questo momento così particolare perseguono l’obiettivo di permettere alla Sindaca e alla Giunta di lavorare in tranquillità per il bene di tutti».   

«Il bene dei torinesi è l’unica priorità. Per i Moderati non c’è altra urgenza che la salute dei cittadini. Tutto il resto non è emergenza e non è urgenza – continua Magliano – Ma Giunta e Consiglieri di Minoranza sono gli unici, evidentemente, a dimostrare responsabilità. Al momento del voto, la Maggioranza Cinque Stelle si dice contraria alla sospensione. Una scelta incommentabile». 
L’esponente dei Moderati spiega che «Il Consiglio Comunale, per regolamento, non può essere convocato in modalità conference call, per via telematica o in remoto. Atti urgenti? Non ce ne sono. Approfondimenti? Si possono e anzi si devono rimandare (lo dico in qualità di Consigliere con più interpellanze all’attivo). Audizioni? Quanto mai inopportune, dato il momento di emergenza».
«Per quale motivo, dunque, la Maggioranza non ha voluto sospendere i lavori? Qual è il motivo recondito, oltre alla palese mancanza di responsabilità?I Cinque Stelle lo spieghino: eviteremo di pensare male», conclude Magliano.
Paolo Bogliano
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano