25 C
Torino
domenica, 26 Giugno 2022

Coronavirus, Francia: rivolta anti lockdown nelle banlieue di Parigi. Scontri con la polizia all’alba

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Alba di fiamme e scontri nelle periferie francesi. La rabbia della banlieue di Villeneuve-la-Garenne, nella zona nord di Parigi, è scoppiata nelle prime ore di questa mattina mentre sopra il cielo esplodevano fuochi di artificio. Il segnale di qualcosa che stava per accadere: da una parte gruppi di manifestanti che si radunano dall’altra la polizia in assetto antiguerriglia pronta ad impedire ogni tipo di manifestazione. È un attimo, poi la rabbia esplode, dicevamo, alla notizia che un 30enne è stato gravemente ferito in un incidente con auto civetta della polizia che non aveva contrassegni.

La classica goccia che fa traboccare il vaso. La gente del quartiere è all’esasperazione. Il presidente Emmanuel Macron ha infatti esteso le misure di allontanamento sociale in Francia fino all’11 maggio e i controlli sono sempre meno accetti soprattutto nei quartieri multietnici.

Ma torniamo agli scontri di stamattina: i bidoni vengono dati alle fiamme e messi a bloccare la strada. A testimoniare quanto avviene le immagini twittate dal giornalista francese di origini algerine Taha Bouhafs. Da lui un report completo via Twitter in cui vengono mostrate tutte le violenze dei riot.

La vittima dell’incidente è un motociclista di 30 anni che versa in gravi condizioni. I suoi amici affermano che lo scontro di sabato sera con l’auto della polizia su cui stanno indagando i pubblici ministeri che hanno aperto un’inchiesta è stato un esempio dell’uso di forza messo in atto dalle Forze dell’Ordine contro la comunità multirazziale durante il blocco per l’emergenza Coronavirus. Una reazione dunque all’ennesimo sopruso vissuto all’interno delle banlieue. Anche perchè l’uomo ferito è di origini arabe. La Polizia si difende sostenendo di esser stata attaccata oggi all’alba da lanci di pietre e fuochi d’artificio. Una situazione incandescente, dunque, che rischia di allargarsi a macchia d’olio anche in altre città e quartieri di una Francia che conta circa 20 mila morti per Covid-19 dall’inizio dell’emergenza sanitaria e più di 150 mila casi di positività.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano