14.9 C
Torino
venerdì, 25 Settembre 2020

Canalis e Lepri: “Senza Iren difficile garantire gli equilibri di bilancio”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Andrea Araldi
Andrea Araldi
Già consigliere comunale di Torino. Direttore editoriale del mensile Starthub Torino. Tra i suoi interessi la politica, il mondo dell'innovazione e informazione.

Anche la consigliera comunale Monica Canalis e il senatore Stefano Lepri, del Partito Democratico, intervengono sulla delibera di giunta approvata ieri in cui si dà il via libera alla vendita delle società partecipate, esprimendo non poca preoccupazione.
«Oggi Appendino vende la piccola argenteria (le quote di società partecipate minori), ma a breve metterà sul mercato il gioiello di famiglia, cioè le quote di Iren. Possiamo comprendere la necessità di ridurre moderatamente le quote del Comune in Iren, allo scopo di venire incontro alla riforma Madia e alle prescrizioni di risanamento della Corte dei Conti, ma un’uscita eccessiva da questa fiorente società ci metterà in difficoltà nei prossimi anni».
Canalis e Lepri ricordano infatti come «Iren custodisce assets fondamentali, come le dighe e il termovalorizzatore, e deve quindi mantenere un’elevata quota di capitale pubblico per garantire al Comune un ruolo in decisioni strategiche». Ma non solo. A preoccupare i due esponenti Dem è anche la perdita dei dividendi Iren: «Dall’altro, limitarsi a fare cassa coi gioielli di famiglia è pura finanza creativa, se non si procede di pari passo a un serio piano di razionalizzazione della spesa pubblica e ad una seria politica delle entrate. Piani che il duo Appendino/Rolando non ha minimamente impostato. Oggi Appendino può vendere i gioielli di famiglia, magari spinta da qualche lobby torinese, ma una volta venduti non ci saranno più, con i relativi dividendi. Come farà a garantire gli equilibri di bilancio nel 2018?»

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Di Maio e Zingaretti si spartiscono le amministrative 2021? Il Pd torinese risponde

La notizia diffusa sui quotidiani questa mattina di un accordo tra Pd e M5s sulle amministrative 2021 non lascia indifferente il Pd...

Appendino e Pd? Lo Russo categorico: “Nessuna alleanza”

Lo aveva già detto in più occasioni e ritorna ad affermarlo anche oggi nei giorni successivi al voto referendario e amministrativo, ultima...

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...