27.8 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Trasporti pubblici per disabili grazie alle multe. Lapietra: “E’ falso”, Carretta: “Ha parlato di sosta”. Ecco l’audio dell’intervento dell’assessora

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Botta e risposta a distanza tra l’assessora Maria Lapietra e il consigliere comunale Mimmo Carretta dopo la nota dell’esponente del Pd e della sua collega Maria Grazia Grippo. Casus belli il trasporto disabili, di cui si è discusso in commissioni Pari Opportunità. Secondo Carretta e Grippo l’amministrazione avrebbe intenzione di sostenere il servizio con il ricavato delle multe: “Il Comune ha deciso di intraprendere la strada del “più multe, più soldi, più servizi”, sostenendo parte dei costi destinati a questo delicato segmento di mobilità con entrate incerte e senza dubbio odiose” scrivono in una nota i due consiglieri del Pd.
“Forse pensano così di far digerire o peggio giustificare la campagna di contravvenzioni stradali lanciata di recente, certo questo approccio la dice lunga sulla sensibilità dell’amministrazione. Dopo aver atteso una presa di posizione per mesi sul tema e visto lanciare dalla finestra il difficile lavoro svolto dalla giunta precedente, ci prepariamo a veder promuovere dalla sindaca la multa a fin di bene”, aggiungono Carretta e Grippo.
Mentre il dibattito infuria sui social e con esse le accuse di notizie fasulle, arriva la replica dell’assessora Maria Lapietra, la quale ha ribadito, minacciando di passare alle vie legali per chi sostenesse il contrario, che non è mai stato detto che il servizio sarà finanziato con le multe. Precisando invece che il trasporto disabili che non è una voce a copertura obbligatoria del bilancio, e quindi quando ci sono pochi denari questi devono essere destinati prioritariamente ad altri capitoli, dovrebbe essere legato a voci di entrata specifica quali la Ztl.
Immediata la risposta di Carretta, in cui il consigliere evidenzia che durante la Commissione si è parlato di sosta: «L’assessora Lapietra ha testualmente dichiarato a verbale che si sta “cercando di far corrispondere una voce di entrata, come ad esempio la Ztl, la sosta, ad una voce di uscita”, in questo caso per finanziare il trasporto disabili. Dato che per sosta non può certo riferirsi agli introiti derivanti dagli stalli in zona blu, poiché quelli vanno a Gtt, a che cosa si riferiva Lapietra se non alle multe per sosta vietata? Le parole sono importanti».

Per dovere di cronaca pubblichiamo la parte dell’audio della Commissione dove a parlare è l’assessora Maria Lapietra.
Eccolo

 

Qui invece potete trovare l’audio dell’intera seduta della commissione

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano