13.2 C
Torino
mercoledì, 25 Maggio 2022

Torino, Alex Pompa ha ucciso il padre violento: dubbi sulla legittima difesa

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Per il gip Stefano Vitelli, del tribunale di Torino, Alex Pompa ha agito con “inaudita” e “sproporzionata violenza contro il padre, probabilmente più per rabbia/vendetta” che “per indispensabile legittima difesa”. Così scrive il giudice per le indagini preliminari nell’ordinanza che ha portato in carcere il 18enne che il 30 aprile accoltellò il padre a Collegno, in provincia di Torino.

Secondo il gip gli elementi acquisti, che andranno approfonditi, non permettono di affermare con certezza che Alex Pompa abbia agito in una “situazione di necessità difensiva proporzionata all’offesa”.

Intanto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha assicurato che il giovane potrà fare l’esame di maturità: “Alex era a un passo dall’Esame di Stato. E lo farà”.

“L’esame non cancellerà questa tragedia. Ma quel titolo di studio sarà importante per Alex, per ripartire, per guardare al futuro – prosegue Azzolina su Facebook – E spero possa proseguire, iscrivendosi all’Università. Ritrovando, nel tempo, la sua strada, la sua serenità. Lo studio ci fornisce i mattoni su cui si costruisce il futuro”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano