27.5 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Tav terzo valico, il Cociv indifferente all'alluvione: pronti gli espropri a Novi ligure e Arquata Scrivia

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Neanche il tempo di calcolare i danni provocati dall’alluvione che la macchina Tav si rimette in moto, senza guardare in faccia nessuno, tanto meno la tragedia che ha colpito questo territorio. E così, dopo pochi giorni da quel 13 ottobre, quando l’alluvione ha colpito l’alessandrino, il consorzio Cociv, procederà da domani 21 ottobre agli espropri dei terreni per il terzo valico, a Novi Ligure ed Arquata Scrivia. Zone, in particolare quella di Novi, colpite duramente come detto, dall’alluvione.
Quello che sconcerta è che nel caso ad esempio di Arquata, la richiesta di affissione all’albero pretorio per l’esproprio del Comune, è avvenuta a soli due giorni dalla “bomba d’acqua”.
«Si tratta di un vero e proprio affronto ai cittadini e ad un territorio che sta ancora facendo la conta dei danni e che dimostra come i costruttori del terzo valico siano totalmente privi dei basilari principi etici necessari ad una convivenza rispettosa» dicono dal movimento No Tav terzo valico. E gli attivisti hanno deciso di non stare a guardare: così l’appuntamento per domani è fissato alle ore 15, nel piazzale della Pieve a Novi Ligure. Aspetteranno quelli del Cociv con in mano i badili «simbolo di una dignità, di una comunità, che grazie al prorpio lavoro si sta rialzando», come dicono quelli del comitato, con gli stessi badili usati per spalare il fango.
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano