9.7 C
Torino
sabato, 18 Maggio 2024

Slow Food Italia, ceste di cibo “bene comune” per i poveri in città

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Per iniziativa del Comitato Popolare Difesa Beni Pubblici e Comuni Stefano Rodotà e di Slow Food Italia verranno collocate, in diversi punti della città di Torino e nei paesi limitrofi, ceste per la raccolta e la distribuzione del cibo destinato a chi è diventato povero per le conseguenze della pandemia di Covid-19.

“Un progetto – spiegano i promotori – nato, non come assistenza caritatevole, ma come opera di solidarietà alla pari, di sensibilizzazione verso il ruolo che i beni comuni, e il cibo è uno di questi, rivestono nella costruzione di una nuova prospettiva sociale, politica ed economica”.

“Siamo abituati – spiega Ugo Mattei, del Comitato Stefano Rodotà – a vedere nelle città le fontanelle che offrono acqua a chi ha sete e non guardiamo a chi beve come a un mendicante! Lo stesso deve accadere col cibo: le ceste della campagna siano come fontanelle di cibo bene comune. Abbiamo difeso l’acqua come bene comune, perché dovrebbe essere diverso col cibo che è altrettanto necessario?”.

Le informazioni sull’ubicazione delle ceste e i luoghi di raccolta, sono riportate su www.generazionifuture.org. Sulla pagina è anche descritto come poter donare generi alimentari, rigorosamente non deperibili e confezionati. Da sottolineare è il metodo di distribuzione del cibo, che non vedrà la presenza di nessun operatore addetto alla consegna.

“Questa iniziativa – afferma Giuseppe Orefice, del Comitato esecutivo di Slow Food Italia – pone il cibo al centro di una relazione di solidarietà orizzontale in cui non c’è bisogno che qualcuno chieda e non c’è bisogno di tramiti fra chi dona e chi riceve. Vogliamo, in questo modo, creare occasioni in cui il cibo in quanto bene comune possa restituire a chi è in difficoltà dignità e sostentamento”.

Paolo Bogliano

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano