11.1 C
Torino
lunedì, 28 Settembre 2020

Salario minimo, per Confindustria c’è il rischio fuga dal CCNL: “La soluzione è già in Patto della Fabbrica”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

All’interno del Patto della Fabbrica, firmato nel 2018, ci sarebbe già qualcosa di simile al salario minimo orario. A spiegarlo è il direttore area lavoro, welfare e capitale umano di Confindustria Pierangelo Albini, in audizione al Senato, in commissione Lavoro, sulle proposte, una del Partito Democratico e l’altra del Movimento Cinque Stelle, per l’introduzione del salario minimo orario legale.

«Il Patto della Fabbrica propone un modello di contrattazione che individui nei contratti collettivi un trattamento economico minimo (tem), considerandolo equivalente al salario minimo inderogabile, da tenere distinto dal trattamento economico complessivo (tec), dove verrebbero ricomprese tutte le altre voci retributive o aventi natura di corrispettivo».

- Advertisement -

«La finalità principale che viene perseguita dai disegni di legge in esame ben potrebbe essere assolta con l’osservanza, da parte delle imprese, del trattamento minimo economico, come stabilito nel Patto della Fabbrica – sottolinea Albini – l’attuazione di questo Patto è strettamente legata alla misura della rappresentanza sia datoriale che sindacale, che comporta, però, una collaborazione attiva da parte del ministero del Lavoro che tuttora non si è realizzata».

- Advertisement -

Per l’esponente di Confindustria, «se questa disegno riformatore fosse pienamente attuato, il legislatore ben potrebbe limitarsi a stabilire un livello di salario minimo orario da rispettare solo nei settori non regolati da contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative».

Secondo Pierangelo Albini «L’introduzione di un salario minimo legale potrebbe, a ben determinate condizioni, contribuire a ridurre l’area delle situazioni anomale e in assenza delle condizioni necessarie è elevato il rischio che si determini il fenomeno della “fuga” dal contratto collettivo».

«Un fenomeno che – aggiunge – si sta registrando, già da tempo, in vari Paesi europei che hanno adottato il sistema del salario minimo legale. La regolazione dei minimi salariali costituisce un meccanismo fondamentale nel funzionamento del mercato del lavoro»

«Questa funzione è storicamente svolta, in Italia, dai contratti collettivi nazionali di categoria». Bisogna quindi «garantire il rispetto delle regole e della giusta retribuzione del lavoro, a prescindere dalla sua fonte di regolazione (se legale o contrattuale). Inoltre bisogna definire correttamente il rapporto tra il salario minimo legale e il sistema della contrattazione collettiva esistente. Ed è opportuno sottolineare che ‘il perimetro delle garanzie e delle tutele offerte al lavoratore dal sistema dei ccnl è ben più esteso del mero trattamento economico», conclude Albini.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

L’algoritmo dell’indignazione: politica e giustizia ai tempi dei social

Spesso accade che nelle Famiglie numerose, i genitori, i nonni e gli zii, anche se non lo ammetterebbero mai, hanno un figlio...

Imprese e Covid: alla Festa de L’Unità si discute di ripresa economica di Torino

E' stata l'occasione per confrontarsi su uno dei temi più dibattuti degli ultimi tempi l'incontro della Festa de L'Unità dal titolo “Torino...

Montagna conferma: “Sono indagato”

“Ieri, proprio a tre giorni dal largo successo elettorale, ho ricevuto un avviso di garanzia dalla Procura di Torino”, così il sindaco...

Moncalieri, Montagna appena eletto è indagato per falso

Il sindaco Pd di Moncalieri Paolo Montagna, appena eletto con il 60% dei voti, è indagato. Secondo la Procura di Torino avrebbe...

Di Maio e Zingaretti si spartiscono le amministrative 2021? Il Pd torinese risponde

La notizia diffusa sui quotidiani questa mattina di un accordo tra Pd e M5s sulle amministrative 2021 non lascia indifferente il Pd...