16.2 C
Torino
venerdì, 21 Giugno 2024

Regionali Piemonte, la Lega punta su due industriali: Ravanelli e Gay

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La parola d’ordine è una: aspettare i risultati delle Regionali in Sardegna e Abruzzo. Poi decidere. Ma la Lega non vuole farsi trovare impreparata sulla candidatura per il Piemonte e sta lavorando pancia a terra per trovare lo sfidante di Sergio Chiamparino quota “Carroccio”.

Con un centrodestra in stato confusionale che vede Alberto Cirio quasi certamente fuori dai giochi, visto che rischia un rinvio a giudizio per Rimborsopoli, un Silvio Berlusconi che avrebbe voluto il fratello del suo medico personale, Paolo Zangrillo, in pole position, ma che si sta rassegnando a non concretizzare l’idea, la Lega potrebbe decidere lei chi far correre.

L’opzione Riccardo Molinari è solo accennata: ombre su Rimborsopoli anche per lui e poi in fondo l’esponente leghista sta lavorando bene a Roma come capogruppo alla Camera. Dunque si cerca fuori dal partito.

Ed ecco che nomi che potrebbero essere disponibili a mettersi in gioco, anche perché questa volta in Piemonte la vittoria non è certo una chimera. E questo lo sa bene anche Forza Italia, che nonostante tutto dovrebbe essere lei a dare un nome, ma visto la forza del partito di Matteo Salvini, è pronta a cedere il passo.

I nomi leghisti sono quelli di due industriali. Si tratta di Fabio Ravanelli, presidente della Confindustria Piemonte e di Marco Gay, ceo di WebWorking amministratore delegato di Ottovolante e Digital Magics, presidente di Anitec-Assinform ed ex presidente dei giovani di Confindustria.

La loro disponibilità sarebbe già stata sondata: a quanto pare il sottosegretario Giancarlo Giorgetti avrebbe anche già incontrato Ravanelli. Uno dei due. Entrambi ferventi Sì Tav: ed proprio sulla realizzazione della Torino-Lione che la Lega punta per la campagna elettorale, pescando tra gli industriali favorevoli all’opera.

Senza contare che anche Silvio Berlusconi ha già dato la sua benedizione sull’intera operazione.

Marco Gay

Fabio Ravanelli

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano