23.3 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Promesse elettorali dei Cinque Stelle in Gtt, Lavolta all’Appendino: “Quando verranno mantenute?”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

di Andrea Doi

«Non sono solo i cacciatori e i pescatori a mentire. Spesso lo fanno anche i politici, come in questo caso». Enzo Lavolta, consigliere comunale del Partito Democratico e vicepresidente del Consiglio comunale, usa questo paragone a corredo di un’interpellanza, che sarà presentata lunedì dall’ex assessore all’Ambiente della giunta Fassino e da Domenico Carretta, sulle presunte “esagerazioni” pentastellate.
Punti del Movimento 5 Stelle per GTT – Tempi e modalità di attuazione”, così recita il documento relativo ad un programma diffuso fra i dipendenti del Gruppo Torinese Trasporti in campagna elettorale dai grillini.
«Nel “manifesto” i 5 Stelle promettevano di favorire l’internalizzazione della manutenzione, di potenziare l’organico con nuovi autisti e operai, di riorganizzare il servizio mezzi con adeguamento ai reali tempi di percorrenza», spiega Lavolta.
Non solo. «Sempre nel programma si legge che si sarebbe applicato il contratto autoferrotranviari a tutti i dipendenti, senza distinzioni di area operativa, con contratto rinnovato e concordato – continua il consigliere comunale Pd – sarebbe migliorata la qualità della vita in azienda, i riposi, ci sarebbe stata una crescita professionale e la salvaguardia del salario. Infine si sarebbe messa la parola fine alle consulenze definite inutili e onerose».
L’interpellanza di lunedì dunque servirà a scoprire le modalità per permettere la realizzazione di quanto promesso dai pro Appendino in campagna elettorale.
«Chiediamo alla sindaca e all’assessore i tempi reali affinché la manutenzione oggi esternizzata in Gtt venga reinternizzata. Chiediamo che si proceda all’assunzione degli operai per questo tipo di mansione e degli autisti necessari per il potenziamento del servizio», dice Enzo Lavolta.
«La sindaca ci dica quando si arriverà all’unificazione contrattuale dei dipendenti in forza nei parcheggi Gtt, con il superamento dell’attuale discriminazione economica e di crescita professionale promessa».
E per finire «quali consulenze “inutili e onerose” verranno revocate dall’attuale amministrazione». «Così – conclude Lavolta – nessuno farà la figura del cacciatore e del pescatore».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano