12.4 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

No Tav, basta processi a senso unico: fuori dall'aula bunker per andare in Val di Susa

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Non ci stanno più. Un processo a senso unico la cui sentenza è sta un certo senso già scritta. Così i 53 imputati No Tav venerdì prossimo, 28 febbraio, usciranno in segno di protesta dall’aula bunker del carcere Lorusso e Cotugno delle Vallette in segno di protesta. «Andremmo in Val di Susa, in Clarea, al cantiere», avvertono i No Tav. «Una forma di protesta utile a denunciare l’andamento a senso unico di un processo che ci vuole condannati a prescindere, dove le parole dei pm vengono prese come oro colato, e per portare anche la solidarietà a Chiara, Claudio, Mattia, Niccolò in carcere dal 9 dicembre», aggiungono.
Si ritroveranno al mattino alle nove, poi usciranno, come detto dalle Vallette, per raggiungere i monti. Intanto gli altri attivisti No Tav si sono dati appuntamento alle 12 a Giaglione, dove s’incontreranno con chi arriva da Torino e quindi raggiungere insieme le reti del cantiere di Chiomonte.
«Un’iniziativa politica importante da parte di chi non ci sta ad essere messo sotto processo per la propria partecipazione ad una lotta di tutti e tutte come quella No Tav», concludono dal movimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano