21.9 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Meloni: “Primarie del centrodestra il 6 aprile per scegliere il candidato che batterà Chiamparino”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Ormai la moda delle primarie ha conquistato tutti. Anche Fratelli d’Italia è rimasto folgorato. Dunque il 6 aprile tutti al voto per scegliere il candidato del centrodestra per battere Chiamparino nella corsa alla presidenza della Regione Piemonte.
È questa la proposta avanzata da Giorgia Meloni che supporta Guido Crosetto, il cui nome era stato sponsorizzato all’inizio per essere poi adombrato dagli altri concorrenti come Davide Bono per il Movimento Cinque Stelle, Gilberto Pichetto di Forza Italia e l’immancabile, come detto, Chiampa.
«Gli altri partiti siano coerenti. Se non si crede alla logica della coalizione ognuno si prenderà la sua responsabilità», dice la Meloni.
«Le primarie sono fondamentali per scegliere il candidato migliore – continua – in grado di battere Chiamparino che sarebbe in vantaggio di soli due punti e mezzo, quindi battibile».
Già sul piede di guerra è Crosetto che sfida l’ex sindaco di Torino: «La Regione Piemonte non è un posto dove mettere i rottamati di lusso».
Ora al centrodestra non resta che mettersi d’accordo sulle primarie. Favorevole è il coordinatore regionale del Nuovo Centrodestra Enrico Costa: «Alfano è stato chiaro, noi lo diciamo da sempre: il metodo è questo ed è l’unico».
Mentre, però, la Meloni ha le idee chiare sul candidato prescelto, Costa frena: «Prima il metodo, poi parleremo dei nomi dei candidati. Per il centrodestra si tratta di una scelta di grandissima importanza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano